Inizio zona contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



Sostegno svizzero al Ghana per il superamento delle conseguenze della crisi economica

Berna, 25.03.2009 - Il 25 marzo 2009 il Consiglio federale ha deciso di offrire il proprio sostegno economico al Ghana, per aiutare il Paese a superare indenne le conseguenze della crisi economica mondiale. Il provvedimento prevede un sussidio finanziario non rimborsabile di 27 milioni di franchi distribuito sui prossimi tre anni. I pagamenti, vincolati a determinate condizioni, verranno effettuati in collaborazione con un gruppo di donatori, presieduto dalla Svizzera per il periodo 2009-2010.

Il Ghana è uno dei Paesi prioritari del programma economico di cooperazione allo sviluppo della Segreteria di Stato dell'economia SECO.

La situazione politica ed economica del Ghana è un'eccezione tra gli Stati africani della zona sub sahariana: le terze elezioni democratiche, che si sono svolte l'anno scorso per la nomina dei rappresentanti parlamentari e del presidente, hanno favorito un cambio di potere pacifico e hanno consolidato il ruolo del Paese come fonte di stabilità politica in una regione altamente instabile. Il percorso intrapreso nel 2000, segnato da una politica di riforme orientate all'economia di mercato, ha portato a una crescita vigorosa, con risultati positivi sulla riduzione della povertà, e ha anche favorito un afflusso superiore di investimenti stranieri nel Paese.

Il Ghana resta comunque un Paese povero e vulnerabile, che si trova ora confrontato con gli effetti di due crisi esogene di dimensioni mondiali. In primo luogo continuano a farsi pesantemente sentire le conseguenze del rapido aumento dei prezzi degli alimenti e dell'energia. In secondo luogo, il Paese risente degli effetti della crisi finanziaria globale e della recessione globale ormai in corso. Si prevede che il calo della domanda rallenterà la crescita delle esportazioni e si assisterà a una drastica diminuzione dell'accesso ai capitali stranieri, a causa dei maggiori rischi e dell'attenta verifica degli investimenti a lungo termine.

Con il proprio sostegno economico la Svizzera intende sostenere il Ghana a superare questa doppia crisi, ad attenuare i cambiamenti necessari e, in questo modo, a limitare gli effetti negativi sulla crescita e la riduzione della povertà. L'azione svizzera si iscrive nel contesto di un gruppo di donatori composto da undici partner, tra cui la Banca mondiale. La Svizzera presidia il gruppo nel periodo 2009-2010 e si impegna a favore di un dialogo politico intensivo, volto ad attuare un programma serrato di riforme. Sono attesi miglioramenti anche sul piano della governance economica: attuando sin da ora le corrette condizioni quadro a livello istituzionale, si potrebbero aprire nuove prospettive a medio termine per i giacimenti di petrolio recentemente scoperti. In questo contesto il Ghana deve tra l'altro attuare le disposizioni previste dall'iniziativa Extractive Industry Transparency Initiative, cosostenuta dal nostro Paese.

Indirizzo cui rivolgere domande:

Lukas Schneller, SECO, Cooperazione e sviluppo economici, tel. 031 324 08 11

Pubblicato da

Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca
Internet: http://www.wbf.admin.ch
Ricerca a testo integrale



http://www.seco.admin.ch/aktuell/00277/01164/01980/index.html?lang=it