Segreteria di Stato dell'economia SECO

La presente edizione è adatta per browser con un supporto CSS insufficiente e destinata soprattutto alle persone ipovedenti. Tutti i contenuti sono visualizzabili anche con browser più vecchi. Per una migliore visualizzazione grafica si raccomanda tuttavia l'uso di un bro

Inizio selezione lingua



Inizio zona contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



Il Consiglio federale stanzia due miliardi per rafforzare la piazza produttiva e contrasta il surriscaldamento del mercato ipotecario

Berna, 17.08.2011 - Il Consiglio federale stanzia due miliardi di franchi per ridurre temporaneamente i costi, potenziare la forza innovativa e migliorare in modo mirato le condizioni quadro a lungo termine in Svizzera. Si esamineranno e attueranno in breve tempo misure nei settori dell’esportazione, del turismo, dell’innovazione, della ricerca, delle infrastrutture e a favore dei consumatori. Il DFE è stato incaricato di presentare al Consiglio federale una revisione della legge sui cartelli. I mezzi necessari per l’attuazione del pacchetto di misure verranno stanziati con un’aggiunta separata al Preventivo 2011. Inoltre, attraverso una modifica dell’ordinanza sui fondi propri, il Consiglio federale intende contrastare il surriscaldamento del settore ipotecario.

Il Consiglio federale è consapevole che i 2 miliardi di franchi che intende impiegare per mitigare le conseguenze del franco forte e sostenere l'economia svizzera sono una grossa cifra. L'obiettivo è rafforzare i settori particolarmente colpiti dall'attuale tasso di cambio e prevenire il trasferimento di posti di lavoro all'estero. Nel corso della sua seduta a Sierre ha preso atto del nuovo intervento della Banca nazionale svizzera e si associa all'obiettivo di quest'ultima di contrastare l'apprezzamento della nostra valuta.

Per rafforzare la concorrenza in Svizzera intende avviare una revisione della legge sui cartelli che vieti ufficialmente in maniera più efficace gli accordi orizzontali sui prezzi, le quantità e la ripartizione per zone nonché le imposizioni verticali dei prezzi e gli isolamenti geografici. Per l'aumento dei lavori legati all'applicazione della legge sui cartelli nella sua versione attuale, la Commissione della concorrenza riceverà per due anni quattro posti supplementari. Lo stesso vale per la Sorveglianza dei prezzi che nei prossimi mesi, oltre ad ampliare i consueti ambiti di attività, cercherà maggiormente il dialogo con i produttori e i commercianti affinché trasmettano ai consumatori i vantaggi valutari.

In vista della sessione autunnale il Consiglio federale presenterà al Parlamento un pacchetto di misure di sostegno per le imprese colpite dall'apprezzamento del franco. Esso conterrà misure finalizzate a ridurre temporaneamente i costi, a potenziare la forza innovativa e a migliorare in modo mirato in Svizzera le condizioni quadro a lungo termine. Tale pacchetto di misure sarà elaborato da un gruppo di lavoro istituito ad hoc e diretto dalla SECO.

Margine di manovra grazie all'eccedenza

Per finanziare il pacchetto di misure da varare si utilizzerà una parte del risultato contabile, apparentemente buono, del 2011. Il Consiglio federale ha preso atto dei risultati dell'attuale proiezione per l'anno in corso. In base alle stime sui primi sei mesi dell'anno si prevede, anziché un deficit di 0,6 miliardi di franchi, un'eccedenza di circa 2,5 miliardi di franchi. Il Consiglio federale intende limitare tassativamente i fondi a un importo massimo di 2 miliardi di franchi. È convinto infatti che, considerata l'incertezza che permane ancora in merito alla previsione, utilizzare una percentuale più alta dell'eccedenza strutturale prevista sarebbe poco prudente; inoltre aumentano i rischi economici per il prossimo futuro. Il resto dell'eccedenza dovrebbe pertanto essere impiegato per ridurre il debito e consolidare il bilancio della Confederazione.

I mezzi necessari verranno stanziati principalmente attraverso un'aggiunta separata al Preventivo 2011. Tale aggiunta dovrebbe essere sottoposta al Parlamento in modo da poter essere trattata nella sessione autunnale del 2011. Una parte dei mezzi verrà probabilmente rinviata al prossimo anno.

Misure per il mercato ipotecario

A seguito dei tassi d'interesse vantaggiosi, si constata che le banche svizzere concedono in quantità maggiore crediti per gli immobili d'abitazione. Questa tendenza è ulteriormente amplificata - nel senso che produce un effetto secondario indesiderato - dalle attuali misure di politica monetaria della Banca nazionale svizzera contro l'apprezzamento del franco. L'aspra concorrenza ha inoltre incentivato le banche ad allentare in parte le disposizioni relative alla sostenibilità e alla concessione di mutui.

Si intende contrastare questa evoluzione con prescrizioni più severe in materia di dotazione di fondi propri. Con effetto al 1° gennaio 2012, le banche dovranno disporre di fondi propri supplementari per i crediti ipotecari per i quali non vengono rispettate le usuali norme di sostenibilità e di concessione di mutui. In relazione all'attuazione delle prescrizioni sui fondi propri di Basilea III, il DFF deve inoltre esaminare l'introduzione di una riserva di capitale con effetto anticiclico, che obbligherebbe le banche a detenere fondi propri supplementari in funzione dell'evoluzione del mercato creditizio e limitatamente nel tempo. La riserva di capitale è destinata a rafforzare la resistenza del settore bancario ai rischi legati a un aumento sproporzionato dei crediti, ad esempio sul mercato ipotecario e immobiliare svizzero. Inoltre, la riserva dovrebbe impedire una crescita eccessiva dei crediti. Nell'attivazione e disattivazione della riserva di capitale con effetto anticiclico, oltre al DFF e alla FINMA, svolgerà un ruolo centrale la BNS.

Per completare questo pacchetto di misure, la FINMA continuerà ad esercitare un'intensa vigilanza sull'attuazione delle attuali prescrizioni qualitative nella concessione di crediti.

Indirizzo cui rivolgere domande:

Christophe Hans, capo dell’informazione DFE
031 322 39 60, christophe.hans@gs-evd.admin.ch

Roland Meier, portavoce DFF
031 322 60 86, roland.meier@gs-efd.admin.ch

Pubblicato da

Il Consiglio federale
Internet: http://www.admin.ch/br/index.html?lang=it
Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca
Internet: http://www.wbf.admin.ch
Dipartimento federale delle finanze
Internet: http://www.dff.admin.ch/it
Ricerca a testo integrale



Segreteria di Stato dell'economia SECO
Contatto | Basi legali
http://www.seco.admin.ch/aktuell/00277/01164/01980/index.html?lang=it