Inizio zona contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



Prodotto interno lordo del primo trimestre 2012

Berna, 31.05.2012 - Nel primo trimestre del 2012, il prodotto interno lordo (PIL) reale svizzero è aumentato dello 0,7% rispetto al 4° trimestre*. Le uscite relative al consumo privato e pubblico hanno fornito impulsi di crescita positivi; per contro gli investimenti fissi lordi e il commercio estero hanno contribuito negativamente alla crescita del PIL. Per quanto riguarda la produzione, i settori dei servizi delle attività creditizie, delle assicurazioni, degli immobili, dell’informatica, della ricerca e dello sviluppo così come l’amministrazione pubblica, le assicurazioni sociali e la sanità hanno contribuito in modo positivo alla crescita. Nell’industria il valore aggiunto è diminuito. Rispetto al primo trimestre del 2011 si è registrato un aumento del PIL pari al 2,0%.

Rispetto al trimestre precedente, nel primo trimestre le uscite relative al consumo privato, in termini destagionalizzati, sono aumentate del 0,6%. Eccezion fatta per la voce trasporti, tutte le altre voci relative al consumo privato hanno contribuito a questo aumento. I consumi pubblici sono progrediti dello 2,0%.

Rispetto al trimestre precedente, nel primo trimestre gli investimenti fissi lordi sono calati dell’1,5%. L’ondata di freddo del mese di febbraio ha causato perdite, soprattutto riguardo agli investimenti nell’edilizia. Nel primo trimestre gli investimenti nell'edilizia sono calati del 5,0%. Per contro, gli investimenti in impianti e attrezzature hanno continuato ad avere un andamento positivo. Rispetto al trimestre precedente gli investimenti in impianti e attrezzature, favoriti dalle maggiori importazioni (aeroplani e software), sono aumentati dell’1,5%.

Le esportazioni di merci (esclusi i metalli preziosi, le pietre preziose e semipreziose, nonché gli oggetti d’arte e d’antiquariato) nel primo trimestre sono calate dello 0,5%. La diminuzione delle esportazioni di merci si era riscontrata su vasta scala: sia le esportazioni di sostanze chimiche e prodotti affini, quelle di macchinari, apparecchi e prodotti dell’elettronica, così come le esportazioni di strumenti di precisione e di orologi hanno registrato un’evoluzione negativa. Per contro, le esportazioni di servizi, con il 2,6%, sono notevolmente cresciute. Anche le importazioni di merci (esclusi i metalli preziosi, le pietre preziose e semipreziose, nonché gli oggetti d’arte e d’antiquariato) sono aumentate dello 2,0%. Le importazioni di macchinari, apparecchi e prodotti dell’elettronica sono diminuite mentre le importazioni di sostanze chimiche e prodotti affini e quelle di veicoli, strumenti di precisione e orologi hanno registrato tassi di crescita positivi. Le importazioni di servizi sono cresciute del 3,1%.

Per quanto riguarda la produzione, le varie voci mostrano un’evoluzione molto diversificata. Il valore aggiunto del settore dominato dall’industria (-1,1%) e dell’edilizia (-0,5%) è diminuito, così come quello del settore alberghiero e della ristorazione. Hanno contribuito positivamente alla crescita del PIL particolarmente i settori delle attività creditizie, delle assicurazioni, degli immobili, della locazione, dell’informatica nonché della ricerca e dello sviluppo (+2,3%) nonché il settore dei servizi pubblici (+0,8%). Per le attività creditizie si tratta del più marcato andamento trimestrale dall’inizio del 2007. Anche il commercio ha registrato un aumento di valore aggiunto.

Rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente, il deflatore del prodotto interno lordo è aumentato dello 0,5%. Il deflatore del consumo non ha subito variazioni (+0,0%). I prezzi di impianti e attrezzature diminuiscono da oltre dieci trimestri; tale tendenza è proseguita nel primo trimestre (-2,5%). I prezzi degli investimenti nell’edilizia è aumentato del 1,2%. I prezzi all’esportazione sono leggermente cresciuti per la prima volta dall’inizio del 2009 (+0,4%). Anche i prezzi all’importazione sono aumentati dello 0,4%.

Ultima stima della contabilità nazionale con NOGA 2002. Revisione dei dati trimestrali nell’estate 2012
Questa pubblicazione delle stime trimestrali del PIL per il primo trimestre 2012 è l’ultima che si basa sulla nomenclatura NOGA 2002. Il 29 giugno 2012 l’Ufficio federale di statistica (UST) pubblicherà i nuovi dati annuali della contabilità nazionale (secondo la nomenclatura NOGA 2008; verranno incluse anche nuove statistiche). Nel contempo la SECO pubblicherà il relativo andamento trimestrale che riguarda le nuove componenti degli aspetti legati all’uso del PIL. Il nuovo Conto della produzione a livello trimestrale basato su NOGA 2008 sarà pubblicato il 4 settembre 2012, contemporaneamente con i risultati del secondo trimestre 2012.

*Salvo diversa indicazione, i tassi di variazione riportati sono calcolati rispetto al trimestre precedente (senza una proiezione su base annua) a partire da serie destagionalizzate e depurate dalle variazioni di prezzo. "Reale" vale quale abbreviazione della formula "rispetto ai prezzi dell'anno precedente, valori concatenati, anno di riferimento 2000".

Indirizzo cui rivolgere domande:

Eric Scheidegger, SECO, capo della Direzione della politica economica, tel. +41 (31) 322 29 59
Bruno Parnisari, SECO, capo del Servizio congiuntura, Direzione della politica economica,
tel. +41 (31) 323 16 81

Pubblicato da

Segreteria di Stato dell'economia
Internet: http://www.seco.admin.ch


http://www.seco.admin.ch/aktuell/00277/01164/01980/index.html?lang=it