Inizio zona contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



Comunicati stampa 2015


26.02.2015   
[ Segreteria di Stato dell'economia ]
Nel 2014 le imprese svizzere hanno esportato materiale bellico in 72 Paesi con l’autorizzazione della SECO per un totale di 563,5 milioni di franchi (2013: 461,3 mio.), che corrisponde a una quota dello 0,26 per cento (2013: 0,22 %) delle esportazioni complessive di merci dell’economia svizzera. Allo stesso tempo il volume delle nuove autorizzazioni è sceso del 36 per cento, a 568 milioni di franchi. Anche lo scorso anno la SECO ha verificato in loco, per diversi Paesi destinatari, il rispetto delle dichiarazioni di non riesportazione.

24.02.2015   
[ Segreteria di Stato dell'economia ]
Sono giunti a buon fine i colloqui che la SECO ha intavolato l’estate scorsa con diverse società svizzere di ticketing. Entro la metà di marzo 2015 queste aziende devono adeguare le modalità di indicazione dei prezzi in modo tale che eventuali tasse di servizio e di pagamento risultino comprese nel prezzo del biglietto.

23.02.2015   
[ Segreteria di Stato dell'economia ]
Jeudi 26 février 2015, le SECO tiendra un point de presse pour présenter les chiffres relatifs aux exportations de matériel de guerre en 2014. Il exposera par ailleurs sa position concernant des sujets connexes tels que la révision de l’ordonnance sur le matériel de guerre réalisée l’an dernier, la création d’une plateforme d’autorisation électronique et les évolutions en matière de contrôle des armes classiques.

19.02.2015   
[ Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca ]
Su invito del consigliere federale Johann N. Schneider-Ammann si è tenuta oggi la prima tavola rotonda dell'economia sul franco forte. Il capo del Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca DEFR ha riunito esponenti del mondo economico e appartenenti a diversi settori, dalle PMI ai grandi complessi industriali. Hanno preso parte inoltre rappresentanti di associazioni di categoria e dell'Amministrazione. La discussione sulle possibilità politiche a sostegno dell'economia era al centro dell'incontro. Il risultato è stata una lista di dieci ambiti in cui intervenire con urgenza, che il DEFR accoglie per i suoi attuali lavori. La tavola rotonda si riunirà nuovamente in primavera.

18.02.2015   
[ Il Consiglio federale ]
Il 18 febbraio 2015 il Consiglio federale ha licenziato il messaggio concernente l’iniziativa popolare «Contro la speculazione sulle derrate alimentari», raccomandando di respingerla senza controprogetto. Il Consiglio federale condivide gli scopi dell’iniziativa: migliorare l’approvvigionamento alimentare delle popolazioni dei Paesi in sviluppo e lottare contro la povertà. Ritiene tuttavia che l’approccio seguito dall’iniziativa sia inadeguato, dubita dell’efficacia delle misure proposte e teme ripercussioni negative per l’economia nazionale.

18.02.2015   
[ Il Consiglio federale ]
Il 18 febbraio 2015 il Consiglio federale ha approvato una revisione dell’ordinanza 2 concernente la legge sul lavoro (OLL 2). I centri commerciali che servono il turismo internazionale possono ora occupare lavoratori la domenica. Tali centri, stabiliti dal Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca (DEFR) su richiesta dei Cantoni, devono tuttavia soddisfare criteri bene definiti in relazione all’offerta di prodotti in vendita, la cifra d’affari e l’ubicazione. Inoltre i lavoratori devono ricevere per il lavoro domenicale compensazioni che superano quanto previsto dalle disposizioni di legge. La revisione entra in vigore il 1° aprile 2015.

18.02.2015   
[ Il Consiglio federale ]
Il 18 febbraio 2015 il Consiglio federale ha approvato la revisione dell’ordinanza sulla promozione del settore alberghiero, accogliendo contemporaneamente anche il nuovo statuto e il nuovo regolamento interno della Società svizzera di credito alberghiero (SCA). Questa revisione delle disposizioni esecutive della SCA contribuisce in modo sostanziale a ottimizzare la promozione dell’economia alberghiera da parte della Confederazione e crea le premesse affinché la SCA possa promuovere meglio lo sviluppo e la competitività del settore in questione. Questo fatto è tanto più importante alla luce del recente sgancio del franco dall’euro.

18.02.2015   
[ Il Consiglio federale ]
Il 18 febbraio 2015 il Consiglio federale ha approvato il messaggio concernente la promozione della piazza economica negli anni 2016–2019. Grazie ai suoi strumenti – politica a favore delle PMI, politica del turismo, politica regionale e promozione dell’economia esterna – la promozione della piazza economica fornisce un contributo importante per migliorare l’innovazione, aumentare la produttività e valorizzare meglio i potenziali esistenti (ad es. le infrastrutture). Così facendo persegue l’obiettivo di incrementare la competitività dell’economia svizzera, caratterizzata da un fitto tessuto di PMI, e dei suoi posti di lavoro. Questa necessità si era resa tangibile già con l’apprezzamento del franco nel 2011, ma è diventata ancora più impellente dopo l’abbandono del tasso minimo di cambio con l’euro.

18.02.2015   
[ Il Consiglio federale ]
Il Consiglio federale ha adottato oggi la nuova politica per le aree rurali e le regioni montane come pure l’ulteriore sviluppo della politica degli agglomerati dal 2016. Le nuove misure vanno a sostegno delle città, delle aree rurali e delle regioni montane per favorire uno sviluppo territoriale coerente. Il Consiglio federale vuole in tal modo rafforzare i legami tra città e campagna, migliorare l’armonizzazione delle politiche settoriali e la collaborazione tra Confederazione, Cantoni, città e Comuni come pure consolidare la capacità innovativa e la competitività dello spazio rurale e urbano.

11.02.2015   
[ Il Consiglio federale ]
Il 9 febbraio 2014 il Popolo svizzero ha votato a favore di una regolazione autonoma e una limitazione dell’immigrazione, che implica al contempo un adeguamento, nel rispetto degli interessi dell’economia nazionale, dell’Accordo di libera circolazione delle persone (ALC) stipulato con l’Unione europea (UE). Mercoledì il Consiglio federale ha preso diverse decisioni volte ad attuare la nuova disposizione costituzionale, tra cui l’avamprogetto della nuova legislazione in materia di stranieri e misure complementari tese a migliorare l’impiego del potenziale di forza lavoro presente in Svizzera. Ha inoltre definito il mandato per negoziare con l’UE l’adeguamento dell’ALC.

11.02.2015   
[ Il Consiglio federale ]
L’11 febbraio 2015 il Consiglio federale ha aggiunto alle sanzioni contro la Siria il divieto di fornire carburanti per aeromobili. L’obiettivo è di impedire che l’aviazione militare siriana si procuri carboturbi e additivi per carburanti attraverso la Svizzera. La nuova misura entra in vigore l’11 febbraio 2015 alle ore 18:00.

10.02.2015   
[ Segreteria di Stato dell'economia ]
I disoccupati registrati in gennaio 2015 - Secondo un sondaggio svolto dalla Segreteria di Stato dell’economia (SECO), alla fine di gennaio 2015 erano iscritti 150’946 disoccupati presso gli uffici regionali di collocamento (URC), ossia 3’577 in più rispetto al mese precedente. Il tasso di disoccupazione è salito dal 3,4% nel mese di dicembre 2014 al 3,5% nel mese in rassegna. Rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, il numero di disoccupati è diminuito di 2’314 unità (-1,5%).

05.02.2015   
[ Segreteria di Stato dell'economia ]
Il 15 gennaio 2015 la Banca nazionale svizzera (BNS) ha deciso di abbandonare il tasso minimo di 1,20 franchi per 1 euro. Le conseguenze di questa decisione si rispecchiano nei risultati dell’inchiesta svolta in gennaio 2015*. Nel complesso, in gennaio il clima di fiducia (media di quattro domande**) è rimasto praticamente invariato rispetto a ottobre (-6 in gennaio 2015 rispetto a -11 in ottobre 2014).

05.02.2015   
[ Segreteria di Stato dell'economia ]
Il gruppo di esperti della Confederazione non fornirà aggiornamenti sulla situazione economica prima delle prossime previsioni congiunturali del 19 marzo 2015. Gli esperti, tuttavia, sottolineano che un elemento fondamentale per le previsioni, ossia la stabilità dei tassi di cambio, non è più valido a causa dell’abolizione del tasso minimo da parte della Banca nazionale il 15 gennaio, con il conseguente apprezzamento del franco rispetto all’euro e ad altre valute. Occorre pertanto rivedere le ultime previsioni congiunturali pubblicate il 18 dicembre 2014 che indicavano una crescita del PIL del 2,1 % nel 2015 e del 2,4 % nel 2016 e un leggero calo della disoccupazione. Con un forte e continuo apprezzamento del franco è lecito aspettarsi un peggioramento dello sviluppo economico.

30.01.2015   
[ Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca ]
Il 30 gennaio 2015 a New York il Consiglio federale ha depositato la ratifica del Trattato presso la sede delle Nazioni Unite. Il Trattato entrerà in vigore per la Svizzera dopo 90 giorni.

29.01.2015   
[ Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca ]
In data odierna, su invito del consigliere federale Johann N. Schneider-Ammann, si è tenuta la prima tavola rotonda con le parti sociali sul franco forte. Insieme ai vertici dell’Unione degli imprenditori, dell’Unione delle arti e mestieri, dell’Unione sindacale svizzera, di Economiesuisse e Travail Suisse, il ministro dell’economia ha effettuato un’analisi approfondita della situazione. Considerate le grandi sfide a cui dovrà fare fronte l’economia svizzera, i partecipanti hanno sottolineato il ruolo fondamentale che assume il partenariato sociale. In occasione di questo incontro è stato stabilito un ulteriore incontro per elaborare criteri comuni volti a garantire posti di lavoro.

29.01.2015   
[ Segreteria di Stato dell'economia ]
Nel quadro della seconda edizione del barometro della burocrazia, 1809 imprese hanno fornito informazioni in merito all’onere amministrativo derivante dalla regolamentazione statale. Il 54,2 per cento delle imprese ritiene l’onere elevato o piuttosto elevato, mentre il 45,8 per cento lo ritiene basso o piuttosto basso. I risultati della prima edizione (2012) hanno trovato conferma: l’onere amministrativo maggiore continua ad essere avvertito negli stessi settori. In generale, nell’ultimo triennio la percezione del carico amministrativo è aumentata.

28.01.2015   
[ Il Consiglio federale ]
Un gruppo di Cantoni svizzero-orientali intende organizzare un’esposizione nazionale nel 2027. Il Consiglio federale saluta l’iniziativa: le esposizioni universali vantano una lunga tradizione e il Consiglio federale ha deciso quest’oggi di sostenere i preparativi fino alla presentazione di uno studio di fattibilità, nel 2017. La Confederazione non si assume alcun impegno finanziario per questa fase. Ciò non pregiudica, tuttavia, la decisione relativa al sostegno definitivo della Confederazione, mezzi finanziari compresi, per portare a termine il progetto.

28.01.2015   
[ Il Consiglio federale ]
Il 28 gennaio 2015 il Consiglio federale ha deciso di modificare l’ordinanza sul controllo dei composti chimici utilizzabili a scopi civili e militari (ordinanza sul controllo dei composti chimici). Le disposizioni rivedute entrano in vigore il 1° marzo 2015.

28.01.2015   
[ Il Consiglio federale ]
Mercoledì il Consiglio federale ha approvato la convenzione delle Nazioni Unite sulla trasparenza dei procedimenti arbitrali nelle controversie tra investitore e Stato (convenzione ONU sulla trasparenza). Ha incaricato congiuntamente il DFGP e il DEFR di elaborare entro fine 2015 un messaggio per la ratifica della convenzione.

27.01.2015   
[ Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca ]
Il consigliere federale Johann N. Schneider-Ammann ha incaricato la Segreteria di Stato per l'economia SECO di permettere le indennità per lavoro ridotto viste le attuali fluttuazioni del corso del cambio. Scopo del Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca DEFR è di neutralizzare gli effetti dell'eccezionale rivalutazione del franco svizzero, dopo la decisione della Banca nazionale svizzera BNS.

24.01.2015   
[ Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca ]
Rispondendo all’invito del consigliere federale Johann N. Schneider-Ammann, i ministri incaricati degli affari OMC e il direttore generale dell’OMC Roberto Azevêdo si sono riuniti oggi a Davos nel quadro di un incontro informale per discutere l’agenda 2015 in vista della conclusione del Doha Round.

21.01.2015   
[ Il Consiglio federale ]
Durante la riunione odierna il Consiglio federale è stato informato dalla sua giunta per la politica economica, composta dai dipartimenti DEFR, DFF e DATEC, sulla situazione dopo l’abolizione della soglia minima di cambio tra franco ed euro. La seduta si è aperta con un colloquio tra il Consiglio federale e il presidente della Direzione generale della BNS. Inoltre il Consiglio federale ha effettuato una prima analisi della situazione monetaria e delle possibili ripercussioni per l’economia.

21.01.2015   
[ Il Consiglio federale ]
Il Consiglio federale ha approvato oggi il rapporto che pone le basi della nuova politica di crescita economica, corredato di una retrospettiva e di un’analisi per la strategia futura. L’Esecutivo conferma gli orientamenti generali della propria strategia e intende promuovere ulteriormente la crescita economica, tutelare a lungo termine i posti di lavoro e la ricchezza nel nostro Paese. Il Consiglio federale punta principalmente ad aumentare la produttività del lavoro e a irrobustire la competitività e l’innovazione. In futuro, inoltre, la resistenza dell’economia alle crisi e l’attenuazione degli effetti collaterali della crescita economica dovranno acquistare una maggior centralità nella strategia. Il Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca (DEFR), in collaborazione con i dipartimenti interessati, elaborerà misure concrete e le presenterà al Consiglio federale entro la fine del 2015.

21.01.2015   
[ Il Consiglio federale ]
Dal 2013 la Svizzera, come previsto, ha svolto ispezioni in loco, le cosiddette Post-Shipment Verification (PSV), in Brasile, India, Kazakistan, Qatar, Libano e Ucraina. Questi Paesi hanno dimostrato di aver mantenuto l’impegno di non riesportare il materiale bellico ottenuto senza il consenso elvetico. Il 21 gennaio 2015 il Consiglio federale è stato informato del risultato di queste sei ispezioni.

21.01.2015   
[ Il Consiglio federale ]
Nel suo parere all’attenzione della Commissione dell’economia e dei tributi del Consiglio nazionale, il Consiglio federale propone di respingere l’iniziativa parlamentare «Legge federale sugli ostacoli tecnici al commercio. Escludere le derrate alimentari dal campo d’applicazione del principio Cassis de Dijon».

20.01.2015   
[ Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca ]
Il capo del Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca DEFR, il consigliere federale Johann N. Schneider-Ammann, ha incontrato oggi, alla vigilia del World Economic Forum, il suo omologo cinese, il ministro Gao Hucheng. I due ministri, incontratisi a Zurigo per un colloquio, hanno constatato che poco piú di sei mesi dopo l'entrata in vigore dell'accordo di libero scambio gli esportatori vi fanno già un intenso ricorso. È stato affrontato anche il tema della rivalorizzazione del franco rispetto all'euro e quello del futuro dei negoziati in seno all'Organizzazione mondiale del commercio OMC.

15.01.2015   
[ Il Consiglio federale ]
La giunta per la politica economica del Consiglio federale ha preso atto della decisione della Banca Nazionale Svizzera BNS di abbandonare la soglia minima del corso del franco svizzero con l'euro. La giunta economica del Consiglio federale - composta dei capi dei dipartimenti DEFR, consigliere federale Johann N. Schneider Ammann, DFF, consigliera federale Eveline Widmer-Schlumpf, e DATEC, consigliera federale Doris Leuthard – si è occupata giovedí pomeriggio, durante una riunione presieduta dal consigliere federale Johann N. Schneider-Ammann, della situazione venutasi a creare con la decisione della BNS. La giunta ha chiesto informazioni al presidente della Banca nazionale e ha poi discusso delle possibili incidenze di questa decisione sull'economia svizzera.

14.01.2015   
[ Il Consiglio federale ]
Il 14 gennaio 2015 il Consiglio federale ha approvato il rapporto sulla politica economica esterna 2014. Il capitolo introduttivo approfondisce le «catene globali del valore» e le loro ripercussioni sulla Svizzera. Nell’anno in rassegna l’OMC ha approvato l’Accordo sull’agevolazione degli scambi e sono entrati in vigore nuovi accordi di libero scambio, in particolare quello con la Cina. La Svizzera ha proseguito il suo impegno a favore dello sviluppo economico sostenibile e del rafforzamento della capacità amministrativa degli attori statali nei Paesi in via di sviluppo.

13.01.2015   
[ Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca ]
Oggi a Washington il capo del Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca, il consigliere federale Johann N. Schneider-Ammann, ha partecipato su invito della Casa Bianca a una tavola rotonda con ministri americani, consulenti del presidente Barack Obama e responsabili di aziende svizzere negli Stati Uniti. Durante l’incontro si è discusso del rafforzamento della collaborazione economica tra la Svizzera e gli Stati Uniti e del sistema di formazione professionale svizzero.

09.01.2015   
[ Segreteria di Stato dell'economia ]
I disoccupati registrati in dicembre 2014 - Secondo un sondaggio svolto dalla Segreteria di Stato dell’economia (SECO), alla fine di dicembre 2014 erano iscritti 147’369 disoccupati presso gli uffici regionali di collocamento (URC), ossia 10’817 in più rispetto al mese precedente. Il tasso di disoccupazione è salito dal 3,2% nel mese di novembre 2014 al 3,4% nel mese in rassegna. Rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, il numero di disoccupati è diminuito di 2’068 unità (-1,4%).

05.01.2015   
[ Segreteria di Stato dell'economia ]
Le 9 janvier 2015, le SECO publiera les chiffres du chômage pour le mois de décembre 2014. Sur la base des données les plus récentes recueillies pour le marché du travail, la Direction du travail informera, dans le cadre de cette rencontre, de l'évolution des données en 2014 et présentera les tendances de ces données pour l'année 2015. A cette occasion, il sera aussi question d'aborder quelques-uns des thèmes prioritaires traités actuellement au sein de la Direction du travail.


Fine zona contenuto

Ricerca a testo integrale

Agenda

Abbonamento alle news

Il servizio di abbonamento di www.news.admin.ch informa costantemente tramite e-mail sulle novità concernenti l'Amministrazione federale. Configurate il vostro menu di informazioni per tematiche o per mittente.



http://www.seco.admin.ch/aktuell/00277/01164/index.html?lang=it