Segreteria di Stato dell'economia SECO

La presente edizione è adatta per browser con un supporto CSS insufficiente e destinata soprattutto alle persone ipovedenti. Tutti i contenuti sono visualizzabili anche con browser più vecchi. Per una migliore visualizzazione grafica si raccomanda tuttavia l'uso di un bro

Inizio selezione lingua



Inizio zona contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



Lavoro soggetto o non soggetto all’obbligo di annuncio?

Panoramica

Condizione fondamentale per l'obbligo di informare: attività lucrativa
La condizione fondamentale per un eventuale obbligo di annuncio di lavoro o per la richiesta di un permesso di lavoro è l'esistenza di un'attività lucrativa. I servizi a titolo di amicizia, l‘aiuto reciproco fra inquilini e, di regola, l'aiuto reciproco fra familiari non sono soggetti agli obblighi di annuncio o di autorizzazione. Nella presente rubrica sono spiegati il concetto di attività lucrativa e la differenza con altre forme di aiuto.

Ulteriori condizioni
L'obbligo di annuncio ed eventualmente l'obbligo di autorizzazione per un'attività lucrativa dipendono dall'esistenza di un'attività lucrativa indipendente o dipendente nonché da specifici presupposti esaminati nelle rubriche «Obblighi per i datori di lavoro», «Obblighi per i lavoratori dipendenti» e «Obblighi per i lavoratori indipendenti».

Attività lucrativa: obbligo di annuncio

Cosa si intende per attività lucrativa?
È considerata attività lucrativa ogni specifica attività personale volta al conseguimento di un reddito. Tale è il caso per il lavoro remunerato secondo le tariffe usuali del mercato o per il lavoro remunerato meno di tali tariffe ma comunque volto a conseguire un reddito.  Quale salario, oltre alle prestazioni in denaro sono considerate anche le prestazioni in natura o di servizi.

Aiuto reciproco tra familiari: di regola non è soggetto all'obbligo di informare

Regola: non soggetto a obbligo di annuncio
L'aiuto reciproco tra familiari di regola non è considerato attività lucrativa anche se è rimunerato.

Eccezione: soggetto a obbligo di informare
Tuttavia, qualora un'attività vada oltre l'usuale misura dell'aiuto reciproco tra familiari e assume il carattere di un'attività vera e propria che di solito è svolta da una terza persona come, ad esempio, la cura dispendiosa o a pagamento di uno o entrambi i genitori anziani o lo svolgimento settimanale di più ore di lavori domestici dietro compenso di un salario usuale sul mercato del lavoro. Tale attività è allora considerata un'attività lucrativa ed è quindi soggetta all'obbligo di annuncio.

Servizi a titolo di amicizia e servizi di buon vicinato: non sono soggetti all'obbligo di annuncio

Caratteristica: in primo piano vi sono l'atto di cortesia e la disponibilità all'aiuto

Nel caso di servizi a titolo di amicizia e di buon vicinato prevalgono l'atto di cortesia e la disponibilità all'aiuto e non l'acquisizione di una retribuzione. Non viene negoziata alcuna contropartita con la persona che fornisce l'aiuto o essa non ne aspetta alcuna, la durata precisa del servizio non può essere valutata e al suo termine non viene corrisposta alcuna retribuzione o essa è simbolica (p. es. invito a cena, bottiglia di vino, somma in denaro simbolica).

Fine zona contenuto

Ricerca a testo integrale




Segreteria di Stato dell'economia SECO
Contatto | Basi legali
http://www.seco.admin.ch/keine-schwarzarbeit/04305/index.html?lang=it