Inizio zona contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



Attività accessoria

Le seguenti risposte si riferiscono ai rapporti di lavoro basati su un contratto di diritto privato e non si applicano, o solo entro certi limiti, ai rapporti di lavoro di diritto pubblico, come i posti di lavoro nell’Amministrazione o in imprese statali, che sottostanno in genere a regole a sé.

I lavoratori occupati a tempo pieno possono esercitare anche un'attività accessoria?

Un'attività accessoria è inammissibile se lede il dovere di fedeltà verso il datore di lavoro (art. 321a cpv. 3 CO).

È il caso segnatamente quando:

  • il lavoratore fa concorrenza al datore di lavoro mediante un lavoro remunerato.
    Esempio: un dipendente di un'impresa di trasporti svolge dei mandati la sera per conto proprio con il proprio veicolo pesante privato, all'insaputa del datore di lavoro;
  • il prestigio dell'impresa ne risente;
  • con il suo carico l'attività accessoria riduce il rendimento del lavoratore compromettendo l'adempimento dei suoi obblighi lavorativi.
    Esempio: il conducente di un mezzo pesante lavora la sera come taxista, senza rispettare la durata del riposo prescritta.

Quali altre prescrizioni contempla la legge sul lavoro per i lavoratori che svolgono diverse attività?

Devono essere rispettate le prescrizioni della legge sul lavoro (LL) in materia di protezione (cfr. Promemoria concernente i lavoratori che svolgono diverse attività presso uno o più datori di lavoro).
Ritornare alla pagina precedente FAQ sul diritto del lavoro

Fine zona contenuto

Ricerca a testo integrale



http://www.seco.admin.ch/themen/00385/00420/04667/04678/index.html?lang=it