Politica tariffaria

In considerazione del mercato relativamente piccolo del nostro Paese, è decisivo che i produttori svizzeri possano accedere ai mercati esteri. La politica svizzera di accesso ai mercati si fonda sui seguenti punti:

  • l’appartenenza all’Organizzazione mondiale del commercio (OMC);
  • l’Accordo di libero scambio stipulato nel 1972 con l’UE;
  • l’Accordo di libero scambio stipulato con i Paesi extra UE (nel quadro dell’AELS o di accordi bilaterali).

La soppressione dei dazi doganali va a vantaggio del mercato di esportazione svizzero e permette di ridurre i costi di importazione. Oltre a consentire un migliore accesso ai mercati esteri grazie alla soppressione dei dazi doganali a livello multilaterale nell’ambito dell’OMC, le preferenze tariffali bilaterali concesse in virtù di accordi bilaterali rafforzano la competitività delle imprese svizzere nei confronti dei concorrenti che non beneficiano di tale vantaggio. Gli accordi bilaterali della Svizzera o dell’AELS con Stati terzi semplificano il commercio di merci industriali e di prodotti agricoli trasformati. Il commercio di prodotti agricoli non trasformati è disciplinato da accordi bilaterali complementari che tengono conto delle peculiarità dei mercati e delle politiche agricole. Nel quadro del «Sistema di preferenze generalizzate» la Svizzera accorda inoltre preferenze tariffali autonome per i prodotti importati dai Paesi in via di sviluppo. Infine, la politica tariffale svizzera può essere orientata alle necessità dell’economia grazie a diverse procedure doganali per l’importazione.

Oltre ai dazi doganali sulle importazioni, costituiscono un ostacolo alla circolazione delle merci anche i dazi doganali sulle esportazioni, istituiti da alcuni Paesi a causa della penuria di materie prime. Negli ultimi anni l’istituzione di dazi sulle esportazioni è diventata molto frequente in alcuni Stati. La Svizzera si impegna tramite accordi bilaterali o multilaterali per ridurre o abbattere questo tipo di dazio. Per facilitare l’accesso alle risorse, la maggior parte degli accordi di libero scambio della Svizzera va oltre i corrispondenti obblighi previsti dall’OMC, vietando i dazi all’esportazione o prevedendo l’abolizione di misure esistenti.


Prodotti agricoli trasformati

La legge federale sull’importazione e l’esportazione dei prodotti agricoli trasformati (RS 632.111.72, cosiddetta «legge sul cioccolato») ha lo scopo di compensare il costo delle materie prime che penalizza l’industria alimentare svizzera nel commercio dei prodotti agricoli trasformati (p. es. cioccolata, biscotti, alimenti per bambini). Per quanto riguarda le esportazioni, il prezzo dei prodotti agricoli trasformati viene abbassato al livello dei prezzi esteri grazie ai contributi alle esportazioni. L’importazione di prodotti agricoli trasformati è soggetta al versamento di elementi mobili all’importazione (dazi all’importazione) per portare al livello svizzero il prezzo delle materie prime contenute nei prodotti trasformati importati


Contatto

Segreteria di Stato dell’economia SECO
Settore Circolazione internazionale delle merci
Holzikofenweg 36
CH-3003 Berna

Tel. +41 (0)58 464 08 74

Per domande sulla classificazione tariffaria delle merci:

ozd.zolltarif@ezv.admin.ch

Stampare contatto

https://www.seco.admin.ch/content/seco/it/home/Aussenwirtschaftspolitik_Wirtschaftliche_Zusammenarbeit/Wirtschaftsbeziehungen/Warenverkehr/Tarifpolitik.html