Attualità

aktuell.jpg

Il Consiglio federale sostiene il rilancio del turismo svizzero  

01.09.2021

Coronavirus: il Consiglio federale sostiene il rilancio del turismo svizzero

Il 1° settembre il Consiglio federale ha adottato il Recovery Plan per il rilancio del turismo svizzero. L’obiettivo è quello di incentivare la ripresa del turismo in seguito alla pandemia di COVID-19. Il programma è concepito in particolare per stimolare la domanda e mantenere la capacità di innovazione. Anche Svizzera Turismo riceverà ulteriori fondi.


Rapporto sullo stato di avanzamento dei lavori per la digitalizzazione del turismo svizzero

In Agosto 2021 è stato pubblicato il rapporto «Progress Report Digitalisierung im Schweizer Tourismus». Oltre a fare il punto della situazione sul rapporto tra il turismo svizzero e le nuove tecnologie lo studio esamina lo status quo ma anche gli sviluppi futuri, formulando su questa base alcune raccomandazioni operative.  


Iniziativa OMT "best tourism villages"

Durante l’estate, l’Organizzazione Mondiale del Turismo (OMT) ha lanciato un’iniziativa per trovare i migliori borghi turistici del mondo. Le candidature sono aperte a tutti i borghi caratterizzati da attività tradizionali come l’agricoltura e la silvicoltura che ricorrono al turismo come ulteriore strumento per promuovere e preservare il loro patrimonio culturale e incentivare il turismo sostenibile. In quanto membro dell’OMT, la Svizzera può presentare tre candidature.

Una giuria composta da rappresentanti della Segreteria di Stato dell’economia (SECO), dell’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) e di Svizzera Turismo (ST) ha selezionato i seguenti tre borghi turistici e ha presentato la loro candidatura all’OMT:
- Valposchiavo
- Saas Fee
- Gruyères

In attesa della decisione dell’OMT, che dovrebbe arrivare nel corso dell’autunno, incrociamo le dita per i nostri candidati.


Rapporto finale "PREPARARE I PROFESSIONISTI DEL TURISMO PER IL FUTURO DIGITALE"

L'OCSE ha recentemente pubblicato il rapporto "Preparare i professionisti del turismo per il futuro digitale", che esamina l'impatto delle tecnologie digitali sul mercato del lavoro nel turismo e identifica gli approcci che permettono di affrontare le lacune di competenze nel turismo/la carenza di personale qualificato nel turismo. Il rapporto si basa, tra l'altro, sui risultati del workshop internazionale dedicato agli esperti del settore e organizzato a gennaio 2021 in collaborazione con la SECO. I risultati sono correlati di esempi di buone pratiche provenienti in parte anche dalla Svizzera.


Previsioni del KOF per il turismo svizzero: il turismo interno riprende in estate

Dopo il drastico arresto del turismo dovuto alla pandemia, quest’anno il settore è pronto per la ripresa.

Secondo le previsioni del KOF, per lo meno i turisti nazionali e quelli provenienti dai paesi europei torneranno presto. Al contrario, le prospettive di normalizzazione degli spostamenti dei viaggiatori d’affari e di quelli provenienti da paesi lontani sono fosche.


Insight 26/2021 - Patrimonio architettonico, un potenziale aggiuntivo per il Turismo Svizzero

Oggi, il 25 maggio 2021 è uscito il 26° numero di Insight, la newsletter di Innotour. Questa edizione è incentrata sul patrimonio architettonico, un potenziale aggiuntivo per il Turismo Svizzero. Il tema è presentato con una serie di articoli e esempi di progetti Innotour.


Analisi d’impatto della legge sulle abitazioni secondarie

Nella seduta del 12 maggio 2021, il Consiglio federale ha preso atto dell'analisi d'impatto della legge sulle abitazioni secondarie (LASec). Secondo il Collegio non è necessario adeguare il testo di legge e la Confederazione non ha bisogno di adottare ulteriori misure di promozione della piazza economica. Il Consiglio federale riconosce tuttavia la necessità di ottimizzare l'esecuzione della legge, le basi conoscitive e le nozioni chiave relative al settore alberghiero. Il Consiglio federale ha quindi incaricato i Dipartimenti federali dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC) e dell'economia, della formazione e della ricerca (DEFR) di attuare misure per colmare queste lacune.

Per ulteriori informazioni, si prega di consultare il sito web dell'Ufficio federale dello sviluppo territoriale ARE.


Politica del turismo dal 2022: il presidente della Confederazione Guy Parmelin informa sugli orientamenti strategici

Il 5 maggio 2021 il presidente della Confederazione Guy Parmelin ha accolto i rappresentanti del settore turistico al quinto vertice sul turismo e li ha informati sugli orientamenti strategici che la Confederazione intende dare alla sua politica del turismo a partire dal 2022. Uno dei punti chiave sarà la gestione della crisi causata dalla pandemia di COVID-19. Il presidente prevede di attuare un pacchetto di misure di recupero per rilanciare la domanda turistica e mantenere l’attività innovativa delle imprese del settore.  


Paesaggio e patrimonio architettonico: qualità come potenziale per il turismo

Il 15 novembre 2017 il Consiglio federale ha inserito la qualità di paesaggio e il patrimonio architettonico all’interno della Strategia del turismo della Confederazione quali basi del turismo svizzero. La SECO, in collaborazione con l'UFC e l'UFAM, ha chiesto che venisse elaborata la relativa documentazione di base. Paesaggio e patrimonio architettonico sono intesi nel loro significato globale come parte delle molteplici identità culturali e della diversità del nostro Paese. Il documento di input si concentra sulla conservazione e sulla promozione sostenibile dei valori legati al paesaggio e al patrimonio architettonico, in corrispondenza di un aumento del valore aggiunto nel turismo svizzero e in particolare del valore aggiunto regionale in zone di elevato valore paesaggistico e culturale. L’obiettivo è quello di contribuire ulteriormente all’immagine già positiva della Svizzera quale destinazione turistica di elevato spessore, caratterizzata da un paesaggio e da una cultura vivaci e interessanti.


Workshop virtuale OCSE/Commissione europea del 28 gennaio 2021

Il 28 gennaio 2021 si è svolto il workshop congiunto dell'OCSE e della Commissione europea intitolato «Preparare i professionisti del turismo per il futuro digitale», sotto forma di scambio virtuale con circa 200 partecipanti da oltre 40 paesi.

Il workshop è stato organizzato dalla Segreteria di Stato dell'economia (SECO) e dal Comitato del turismo dell'OCSE con il sostegno della Commissione europea e ha riunito responsabili delle politiche del turismo e rappresentanti del settore, delle istituzioni internazionali e del mondo scientifico per discutere esperienze, esempi di buone pratiche e opzioni politiche.

Di seguito troverete gli atti del convegno.


OCSE Analisi della situazione degli effetti della pandemia COVID-19 sul turismo

Il rapporto dell'OCSE mostra che la pandemia del COVID-19 continua ad avere un forte impatto sul turismo in tutto il mondo e che le prospettive di ripresa rimangono altamente incerte. La domanda turistica internazionale dovrebbe diminuire di circa l'80% nel 2020. Il turismo domestico, invece, dovrebbe avere un effetto di sostegno. Il rapporto mostra anche le misure immediate adottate nei paesi dell'OCSE per ripristinare e riattivare il turismo e per proteggere i posti di lavoro e le imprese.

Maggiori informazioni sulle decisioni dell'OCSE sono disponibili sotto il link seguente (in inglese).


Rapporto finale sul sgravio amministrativo per il trasporto a fune

Per le imprese di trasporto a fune che chiedonoun’autorizzazione alla Confederazione, tutta la procedura sarà semplificata. È quanto emerge dal rapporto finale «Sgravio amministrativo trasporto a fune», pubblicato dall’Ufficio federale die trasporti (FT), dalla Segreteria di Stato dell’economia (SECO) e da Funivie Svizzere. Il documento nasce dal mandato di sgravio amministrativo per le PMI che il Consiglio federale aveva conferito all’Amministrazione federale. L’UFT ha elaborato 35 misure concrete per le società esercenti sfruttando la legislazione vigente, in collaborazione con il settore e i Cantoni di Berna, Grigioni e Vallese.


Svizzera Turismo: Recovery Plan

Nella sessione straordinaria di inizio maggio 2020 il Parlamento ha approvato lo stanziamento di ulteriori fondi federali per un totale di 40 milioni di franchi a favore di Svizzera Turismo (ST), a condizione che l’ente ne impieghi la metà per sostenere finanziariamente i propri partner. Inoltre, è stato stabilito che i fondi supplementari devono essere utilizzati per promuovere il turismo sostenibile e il turismo sul territorio nazionale e che occorre puntare sull’offerta di pacchetti turistici a prezzi convenienti.I dettagli saranno disciplinati all’interno di una convenzione tra la SECO e ST in modo da permettere un impiego rapido dei fondi.

Per maggiori informazioni sulle misure adottate nel contesto degli strumenti di promozione della politica turistica consultare il sito della SECO.


Studio sulle sfide per i progetti turistici legate alle normative territoriali

Per assicurare la propria competitività, è importante che l’industria del turismo in montagna sia in grado di adattare entro un periodo di tempo utile le sue costruzioni e i suoi impianti alle variazioni della domanda, al progresso tecnico e al cambiamento climatico e di creare nuove strutture. In questo contesto la SECO ha esaminato, nell’ambito di uno studio di base, le sfide che l’industria del turismo deve affrontare in relazione alle regolamentazioni territoriali.

Lo studio giunge alla conclusione che per realizzare nuove strutture turistiche o rinnovare quelle esistenti in modo mirato ed efficiente sono di particolare importanza i seguenti ambiti tematici: la gestione dei progetti, la ponderazione degli interessi turistici e il margine di manovra per costruzioni e impianti turistici al di fuori della zona edificabile. A tal fine sono state formulate cinque raccomandazioni, due delle quali rivolte alla SECO: da un lato dovranno essere sviluppate delle best practice nella gestione dei progetti e dall’altro si dovrà vagliare la possibilità di fornire un sostegno finanziario alla direzione di progetto esterna e/o all’elaborazione di basi di alta qualità. La SECO chiarirà insieme ai partner rilevanti la necessità di ulteriori lavori e affronterà quindi l’attuazione delle raccomandazioni su tale base.


Bilancio intermedio sulla Strategia del turismo 2017

Nel novembre del 2017 il Consiglio federale ha approvato la Strategia del turismo della Confederazione che pone le basi concrete della politica federale in questo settore, dagli obiettivi ai campi di azione fino alle attività. La realizzazione e l’impatto della strategia vengono analizzati a intervalli regolari, che andranno a costituire l’oggetto di un primo rapporto che il DEFR presenterà al Consiglio federale nel 2021. La SECO ha effettuato una valutazione iniziale della strategia nel gennaio del 2020, cioè grosso modo a metà percorso (fine 2017- 2021).

La strategia è uno strumento valido nonché una base adeguata per mettere in atto la politica turistica della Confederazione, con obiettivi pertinenti e di assoluta attualità. Anche le novità introdotte si stanno rivelando efficaci e consentono di mettere in pratica gli orientamenti strategici e di venire incontro alle esigenze del settore. Le attività si focalizzano sulle questioni centrali del turismo elvetico e contribuiscono a loro volta a centrare gli obiettivi strategici. La SECO del resto intende proseguire in questa direzione, continuando a realizzare le attività definite a suo tempo e che verosimilmente verranno completate entro il 2021, per la relazione al Consiglio federale. Il grafico illustra l’avanzamento dei lavori.

Il grafico illustra l’avanzamento dei lavori:


Svizzera Turismo: Strategia e pianificazione 2020-2022

Svizzera Turismo (ST), chi era costei? Qual è la ragion d’essere dell’organizzazione nazionale di Marketing turistico? La Direzione di ST ha risposto a questi interrogativi fondamentali nel suo documento strategico per il triennio 2020-2022, all’interno del quale ha inoltre formulato cinque obiettivi:conquistare nuovi ospiti, aumentare il numero e la frequenza dei pernottamenti, prolungare la durata di soggiorno dei turisti, incrementare la catena del valore e garantire un equilibrio dei flussi turistici.

ST vuole assolutamente raggiungere questi obiettivi e ha quindi definito otto priorità strategiche per i prossimi tre anni. Aggiungiamo, infine, una nota di merito per l’impaginazione elegante e riuscita della pubblicazione.

https://www.seco.admin.ch/content/seco/it/home/Standortfoerderung/Tourismuspolitik/Aktuell.html