Sfruttare le opportunità della digitalizzazione

© iStock

Lo sfruttamento efficiente ed efficace delle tecnologie disponibili sta diventando un fattore concorrenziale sempre più importante. Motore della trasformazione ed «enabler» al tempo stesso, la digitalizzazione offre grosse opportunità. La responsabilità principale di affrontare le trasformazioni digitali ricade sulle aziende turistiche stesse. La nuova strategia federale del turismo pone un accento sul tema della digitalizzazione.

A livello attuativo sono due i campi d’azione rilevanti: da un lato occorre sostenere maggiormente la trasformazione digitale dei processi e modelli aziendali (cfr. campo d’azione 5) e, dall’altro, seguire da vicino e supportare la trasformazione digitale del marketing (cfr. campo d’azione 6).

Campo d’azione 5: Trasformazione digitale dei processi e modelli aziendali
Nel 2017 la SECO ha lanciato un’offensiva sulla digitalizzazione nel turismo per sostenere la trasformazione digitale dei processi e modelli commerciali del settore. La priorità sarà promuovere i progetti di digitalizzazione e il trasferimento delle conoscenze. Al centro dei lavori vi sarà inoltre il perfezionamento dei dati e delle statistiche esistenti. Va verificata anche l’ipotesi di raccogliere nuovi dati (ad esempio sul comportamento dei turisti) e di renderli fruibili.

Campo d’azione 6: Trasformazione digitale nel marketing
Le esigenze dei turisti cambiano rapidamente e i canali di commercializzazione e diffusione aumentano costantemente, il che incrementa sensibilmente anche i requisiti per il marketing. Nel 2018 è prevista una valutazione di Svizzera Turismo (ST), l’organo incaricato del marketing turistico dalla Confederazione. I servizi di ST e la ripartizione dei ruoli nel marketing del turismo sono un elemento centrale. Entro il 2019, ST svilupperà inoltre la piattaforma online MySwitzerland.

Ultima modifica 18.12.2017

Inizio pagina

https://www.seco.admin.ch/content/seco/it/home/Standortfoerderung/Tourismuspolitik/Tourismusstrategie_des_Bundes/Digitalisierung.html