Il Consiglio federale migliora l’analisi d’impatto della regolamentazione

Berna, 06.12.2019 - Il 6 dicembre 2019 il Consiglio federale ha approvato le nuove direttive per l’analisi d’impatto della regolamentazione (AIR). Tra le varie misure previste, per ottimizzare l’analisi sarà introdotto un quick check. Le nuove direttive entreranno in vigore il 1° febbraio 2020.

Il Consiglio federale ha approvato le nuove direttive per l’AIR. Si tratta del principale strumento che permette di esaminare e illustrare le ripercussioni economiche dei progetti legislativi della Confederazione. Le direttive realizzano le misure adottate dal Consiglio federale il 19 dicembre 2018 in adempimento della mozione Vogler 15.3400 e della mozione del Gruppo liberale-radicale 15.3445.

  • Il quick check permetterà di determinare il fabbisogno di regolamentazione e l’impatto dei progetti della Confederazione, nonché di stabilire la necessità di ulteriori analisi in una fase quanto più possibile precoce del processo.
  • In caso di progetti importanti il Consiglio federale svolge sempre più spesso analisi approfondite. Qualora le aziende siano particolarmente coinvolte i costi della regolamentazione saranno stimati e presentati in maniera standardizzata. Inoltre, i risultati delle analisi AIR devono essere pubblicati e riportati in maniera trasparente nei messaggi e nei rapporti esplicativi.
  • La Segreteria di Stato dell’economia (SECO) è l’organo consultivo per l’AIR. I suoi compiti in questo ambito saranno sanciti all’interno dell’ordinanza sull’organizzazione del DEFR.

Basi decisionali pertinenti

L’AIR deve creare trasparenza sugli effetti delle nuove regolamentazioni e illustrare eventuali alternative. In questo modo potrà fornire ai decisori politici, soprattutto al Consiglio federale e al Parlamento, delle basi decisionali attendibili e basate sui fatti, migliorando così la qualità della regolamentazione.

Negli ultimi tempi l’impiego dell’AIR ha suscitato diverse critiche. Alcuni studi hanno evidenziato come spesso l’AIR sia stata condotta troppo tardi o non sia stata condotta affatto. Inoltre, in alcuni casi le analisi non dispongono di dati quantitativi e mancano della necessaria indipendenza. Le misure proposte mirano a garantire un impiego tempestivo e uniforme dell’AIR e a migliorare la qualità e l’indipendenza delle analisi. Garantiscono inoltre che le risorse impiegate siano proporzionate all’importanza del progetto. Le direttive saranno valutate dopo quattro anni per stabilire la necessità di eventuali interventi.


Indirizzo cui rivolgere domande

Comunicazione DEFR
058 462 20 07
info@gs-wbf.admin.ch


Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca
http://www.wbf.admin.ch

Ultima modifica 12.02.2020

Inizio pagina

Contatto

Domande per iscritto

In caso di domande per iscritto, inviare una e-mail a: medien@seco.admin.ch

Caposettore Comunicazione e portavoce

Antje Baertschi
tel. +41 58 463 52 75
E-mail

Vice caposettore Comunicazione e portavoce

Fabian Maienfisch
tel. +41 58 462 40 20
E-mail

Portavoce

Nadine Mathys
tel. +41 58 481 86 47
E-mail

 

Stampare contatto

Abbonamento alle news

https://www.seco.admin.ch/content/seco/it/home/seco/nsb-news.msg-id-77411.html