Coronavirus: il Consiglio federale verifica la possibilità di accordare un finanziamento transitorio al settore dell’aviazione

Berna, 08.04.2020 - Nella sua seduta dell’8 aprile 2020, il Consiglio federale ha incaricato il Dipartimento federale delle finanze (DFF), il Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni (DATEC) e il Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca (DEFR) di proporre misure volte a fornire temporaneamente un sostegno in termini di liquidità al settore dell’aviazione, fortemente colpito dalla pandemia di coronavirus. Le misure sono imperniate sulle garanzie della Confederazione a favore di compagnie aeree. Le garanzie sono soggette a severe condizioni e prestate soltanto se le imprese non riescono a coprire in altro modo il proprio fabbisogno di liquidità.

Analogamente ad altri settori, anche quello dell’aviazione è fortemente colpito dalle misure di contenimento della pandemia di coronavirus. I voli sugli aeroporti svizzeri sono stati ridotti di oltre il 95 per cento. Diversi operatori nazionali rischiano dunque di avere problemi di liquidità. Il settore dell’aviazione è un’infrastruttura critica per l’economia del Paese: un’interruzione prolungata dei collegamenti internazionali si tradurrebbe in perdite economiche sostanziali. Oltre un terzo delle esportazioni e circa un sesto di tutte le importazioni, rispettivamente dalla e verso la Svizzera, avvengono per via aerea. Il valore aggiunto generato direttamente o indirettamente dal traffico aereo privato ammonta a circa 30 miliardi di franchi all’anno e interessa circa 190 000 posti di lavoro*.

Nella sua seduta dell’8 aprile 2020 il Consiglio federale ha manifestato la propria disponibilità a verificare, d’intesa con i Cantoni, misure finalizzate a non compromettere i collegamenti aerei internazionali della Svizzera a seguito della pandemia di coronavirus. La condizione principale per concedere un aiuto finanziario è una ripartizione adeguata degli oneri: l’ente pubblico interverrebbe soltanto in via sussidiaria. Sono in primo luogo le compagnie aeree e i rispettivi proprietari a dover attuare tutte le misure economicamente sostenibili.

Condizioni per l’ottenimento degli aiuti federali

Tenendo conto di tale condizione, il Consiglio federale ha incaricato il DFF, il DATEC e il DEFR di proporre misure volte a garantire la liquidità delle compagnie aeree economicamente significative per i collegamenti aerei internazionali.

Le misure sono imperniate sulle garanzie della Confederazione, soggette a severe condizioni che mirano a ridurre al minimo i rischi per la Confederazione. Una di queste è dimostrare che si sono sfruttate tutte le possibilità di finanziamento. Inoltre, i mezzi generati in futuro dovranno essere impiegati in primo luogo per rimborsare gli aiuti ottenuti (nessun dividendo, nessuna restituzione o nessun trasferimento interni al gruppo fino all’estinzione completa del prestito garantito). Un’altra condizione è che alla Confederazione spettino interessi conformi al mercato o remunerazioni di altra natura a seguito del rischio da essa assunto. Per di più, i mezzi garantiti dalla Confederazione dovranno essere proporzionali all’impegno delle società madri ed essere utilizzati esclusivamente per assicurare le infrastrutture svizzere (nessun deflusso verso le società madri all’estero). Infine, ci si attende che venga garantito il mantenimento a lungo termine dei collegamenti aerei internazionali della Svizzera.

In aggiunta a quanto sopra esposto, il Consiglio federale ha incaricato i dipartimenti summenzionati di proporgli misure e modifiche di legge eventualmente necessarie al fine di garantire un esercizio ordinato e senza interruzioni degli aeroporti nazionali.

I dipartimenti in questione elaboreranno entro fine aprile una pertinente proposta all’attenzione del Consiglio federale.

* Frase adeguata in data 9.4.2020. Versione precedente: «In termini di posti a tempo pieno il settore dell’aviazione impiega in Svizzera oltre 190 000 dipendenti».


Indirizzo cui rivolgere domande

Comunicazione DFF
Tel. +41 (0)58 462 60 33
info@gs-efd.admin.ch


Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca
http://www.wbf.admin.ch

Segreteria generale DATEC
https://www.uvek.admin.ch/uvek/it/home.html

Dipartimento federale delle finanze
https://www.efd.admin.ch/efd/it/home.html

Ultima modifica 14.09.2020

Inizio pagina

Contatto

Domande per iscritto

In caso di domande per iscritto, inviare una e-mail a: medien@seco.admin.ch

Caposettore Comunicazione e portavoce

Antje Baertschi
tel. +41 58 463 52 75
E-mail

Vice caposettore Comunicazione e portavoce

Fabian Maienfisch
tel. +41 58 462 40 20
E-mail

Portavoce

Livia Willi Yéré
tel. +41 58 469 69 28
E-Mail

Portavoce

Nadine Mathys
tel. +41 58 481 86 47
E-mail

 

Stampare contatto

Abbonamento alle news

https://www.seco.admin.ch/content/seco/it/home/seco/nsb-news.msg-id-78741.html