Coronavirus: la Svizzera risponde alle esigenze umanitarie e sostiene lo sviluppo di sistemi diagnostici, terapie e vaccini

Berna, 13.05.2020 - Nella seduta del 13 maggio 2020 il Consiglio federale ha preso una decisione in merito all’impiego di 175 milioni di franchi stanziati per la lotta contro la pandemia di COVID-19 a livello mondiale. L’importo sarà utilizzato sia per fornire aiuti umanitari che per promuovere lo sviluppo, la produzione e l’accesso equo a diagnosi, terapie e vaccini. I 175 milioni di franchi fanno parte di un pacchetto di 400 milioni approvato dal Consiglio federale due settimane fa.

Il 29 aprile 2020 il Consiglio federale ha approvato lo stanziamento di 400 milioni di franchi per la gestione internazionale della pandemia di COVID-19. L’obiettivo è sostenere le persone in condizioni di povertà e di bisogno, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo. La Svizzera ha per esempio deciso di concedere un prestito di 200 milioni di franchi al Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR) e di versare un contributo immediato di 25 milioni di franchi al fondo per il contenimento delle catastrofi del Fondo monetario internazionale (FMI). Nella sua seduta del 13 maggio 2020 il Consiglio federale ha precisato l’utilizzo dei restanti 175 milioni di franchi.

Aiuto umanitario, innovazione e salute in primo piano
La Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC) ha già utilizzato 52 di questi 175 milioni di franchi per fornire diversi contributi, per esempio all’ONU e al Movimento internazionale della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, nonché per l’aiuto bilaterale nelle regioni colpite da crisi umanitarie, inclusa la distribuzione di aiuti umanitari. La Svizzera ha inoltre messo a disposizione della Coalizione per le innovazioni in materia di preparazione alle epidemie (Coalition for Epidemic Preparedness Innovations, CEPI) 10 milioni di franchi per la ricerca su un vaccino contro il nuovo coronavirus.

Oggi il Consiglio federale ha deciso di sostenere ulteriori azioni utilizzando i seguenti importi:
- 60 milioni di franchi per lo sviluppo e la messa a disposizione di sistemi diagnostici, terapie e vaccini contro il COVID-19: la metà di questi fondi sarà destinata all’organizzazione ‎Gavi, che ha sede a Ginevra ed è specializzata nella fornitura di vaccini nei Paesi in via di sviluppo,‏ mentre il resto andrà alla Fondazione Wellcome Trust e alla Foundation for Innovative New Diagnostics, che promuovono l’accesso alla diagnosi e alle terapie contro il COVID-19 nei Paesi in via di sviluppo;
- 50,5 milioni di franchi per soddisfare il crescente bisogno di aiuti umanitari in tutto il mondo, da un lato al fine di rispondere agli appelli del Movimento internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa e dell’ONU in materia di aiuto d’emergenza e dall’altro per garantire l’aiuto bilaterale;
- 2,5 milioni di franchi messi a disposizione dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per il coordinamento della risposta internazionale al COVID-19.

È nell’interesse della Svizzera sostenere in questo modo una risposta internazionale forte a una pandemia che non conosce confini. La decisione in merito all’utilizzo dei fondi fa seguito a una mozione della Commissione della politica estera del Consiglio nazionale che, per il 2020, chiede un aumento di 100 milioni di franchi dei crediti destinati all’aiuto umanitario.

Considerata l’attuale situazione, entro fine anno il DFAE potrà risparmiare circa 20 milioni di franchi, che dovranno essere impiegati per l’aiuto umanitario legato al COVID-19.

Rischio più elevato per i Paesi in via di sviluppo
Il COVID-19 non ha conseguenze soltanto sulla salute, ma anche sulla vita economica e sociale. I Paesi in via di sviluppo sono particolarmente colpiti dal virus: spesso non dispongono di un sistema sanitario efficiente e le persone non hanno risparmi, un’occupazione regolare o un sistema di welfare stabile che possa tutelarle dalla perdita dei mezzi di sussistenza, il che aumenta il rischio di disordini, sfollamenti forzati e migrazione irregolare. La Svizzera ha un grande interesse ad aiutare rapidamente e senza pesantezze burocratiche queste persone che si trovano in condizioni di bisogno e di povertà. In quanto Paese ospite di numerose organizzazioni internazionali, con sede a Ginevra, la Svizzera dispone di importanti strumenti per contribuire in modo significativo a mitigare le conseguenze dell’attuale pandemia in tutto il mondo.


Indirizzo cui rivolgere domande

Informazioni:
Dipartimento federale degli affari esteri DFAE
Comunicazione DFAE
Tel. +41 58 462 31 53
kommunikation@eda.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale degli affari esteri
https://www.eda.admin.ch/eda/it/dfae.html

Ultima modifica 14.09.2020

Inizio pagina

Contatto

Domande per iscritto

In caso di domande per iscritto, inviare una e-mail a: medien@seco.admin.ch

Caposettore Comunicazione e portavoce

Antje Baertschi
tel. +41 58 463 52 75
E-mail

Vice caposettore Comunicazione e portavoce

Fabian Maienfisch
tel. +41 58 462 40 20
E-mail

Portavoce

Livia Willi Yéré
tel. +41 58 469 69 28
E-Mail

Portavoce

Nadine Mathys
tel. +41 58 481 86 47
E-mail

 

Stampare contatto

Abbonamento alle news

https://www.seco.admin.ch/content/seco/it/home/seco/nsb-news.msg-id-79094.html