Riduzione degli obblighi di documentazione e archiviazione delle aziende

Berna, 27.09.2019 - Il 27 settembre il Consiglio federale ha approvato il rapporto sulla riduzione dei costi della regolamentazione e sull’allentamento degli obblighi delle imprese in materia di documentazione e archiviazione. Oltre ai lavori già in corso per eliminare i doppioni nella documentazione e archiviazione, il Consiglio federale presenta nel suo rapporto una serie di misure volte ad allentare e semplificare 29 prescrizioni vigenti, provvedendo così a sgravare le aziende da tali oneri.

Per le aziende gli obblighi di documentazione e archiviazione sono un onere. Nell’intento di limitarli al minimo necessario, il Consiglio federale ha pertanto adottato negli scorsi anni una serie di misure per ridurre i costi delle aziende. Si osserva infatti la tendenza verso un’amministrazione aziendale supportata da strumenti informatici e ciò comporta un significativo calo dei costi di documentazione e archiviazione. Il legislatore ha tenuto conto di questi sviluppi: l’ordinanza sulla tenuta e la conservazione dei libri di commercio ammette infatti l’archiviazione elettronica dei documenti contabili. Anche l’ordinanza concernente l’imposta sul valore aggiunto prevede l’utilizzo di dati e informazioni conservati in formato elettronico per la deduzione dell’imposta precedente e per la determinazione o riscossione dell’IVA.

Incaricato dal Parlamento di esaminare ulteriori possibilità di sgravio (postulato de Courten, 15.3122), l’Esecutivo presenta ora nel suo rapporto un elenco di prescrizioni in materia di documentazione e archiviazione vigenti a livello federale. In 29 casi il Consiglio federale prevede allentamenti o semplificazioni che si trovano in parte già in fase attuativa o sono ancora da realizzare. Nell’ambito della revisione della legge sull’assicurazione contro la disoccupazione, ad esempio, si stanno creando le basi giuridiche per l’inoltro dei moduli in formato elettronico.

A tale proposito sono chiamate in campo anche la politica dei dati del Consiglio federale e la gestione comune dei dati di base da parte delle autorità, elemento fondamentale ai fini dell’e-government. L’obiettivo infatti è di rilevare una volta sola (secondo il cosiddetto principio «once only») i dati di base come ad esempio le informazioni fondamentali su persone, aziende o terreni.


Indirizzo cui rivolgere domande

Comunicazione SG-DEFR, 058 462 20 07



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca
http://www.wbf.admin.ch

Ultima modifica 12.02.2020

Inizio pagina

Contatto

Domande per iscritto

In caso di domande per iscritto, inviare una e-mail a: medien@seco.admin.ch

Caposettore Comunicazione e portavoce

Antje Baertschi
tel. +41 58 463 52 75
E-mail

Vice caposettore Comunicazione e portavoce

Fabian Maienfisch
tel. +41 58 462 40 20
E-mail

Portavoce

Nadine Mathys
tel. +41 58 481 86 47
E-mail

 

Stampare contatto

Abbonamento alle news

https://www.seco.admin.ch/content/seco/it/home/seco/nsb-news/medienmitteilungen-2018.msg-id-76557.html