AELS: firma di un accordo di libero scambio con Hong Kong

Berna, 21.06.2011 - Il consigliere federale e ministro dell’economia Johann N. Schneider-Ammann e i ministri degli altri Stati dell’AELS (Islanda, Liechtenstein e Norvegia) hanno firmato un accordo di libero scambio di ampia portata con Hong Kong in occasione della riunione ministeriale svoltasi oggi a Schaan, in Liechtenstein.

L'accordo concluso con Hong Kong concerne in particolare lo scambio di prodotti industriali (compresi i prodotti agricoli trasformati), lo scambio di servizi, gli investimenti, la protezione della proprietà intellettuale nonché il commercio e l'ambiente. Come per gli altri accordi di libero scambio dell'AELS, lo scambio di prodotti agricoli di base e le relative concessioni doganali sono disciplinati da accordi agricoli bilaterali negoziati in parallelo singolarmente dagli Stati dell'AELS con Hong Kong. Contemporaneamente all'accordo di libero scambio, gli Stati dell'AELS e Hong Kong hanno concluso un accordo sul commercio e gli standard di lavoro. L'entrata in vigore degli accordi avverrà dopo la ratifica delle parti contraenti ed è prevista per il 1° giugno 2012.

L'accordo di libero scambio con Hong Kong crea un quadro preferenziale e prevedibile, sancito dal diritto internazionale pubblico, per l'ulteriore sviluppo delle relazioni economiche con un partner commerciale importante e dinamico nel Continente asiatico. Hong Kong è il terzo partner commerciale della Svizzera in Asia dopo la Cina e il Giappone. Le esportazioni svizzere verso Hong Kong sono ammontate nel 2010 a CHF 6,5 miliardi (principalmente orologi, pietre preziose, metalli preziosi, gioielli e macchine), mentre le importazioni hanno totalizzato CHF 1,6 miliardi (principalmente pietre preziose, gioielli, orologi e macchine). Alla fine del 2009 gli investimenti diretti svizzeri a Hong Kong ammontavano a circa CHF 4,5 miliardi.

L'accordo con Hong Kong estende la rete di accordi di libero scambio sviluppata dalla Svizzera e dagli altri Stati dell'AELS dall'inizio degli anni ‘90. L'obiettivo della politica di libero scambio della Svizzera è di garantire ai suoi operatori economici condizioni di accesso ai mercati esteri importanti che siano stabili, prevedibili e, per quanto possibile, prive di ostacoli e discriminazioni rispetto ai loro principali concorrenti.


Indirizzo cui rivolgere domande

Segreteria di Stato dell'economia SECO
Holzikofenweg 36
CH-3003 Berna
tel. +41 58 462 56 56
fax +41 58 462 56 00



Pubblicato da

Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca
http://www.wbf.admin.ch

Ultima modifica 14.09.2020

Inizio pagina

Contatto

Domande per iscritto

In caso di domande per iscritto, inviare una e-mail a: medien@seco.admin.ch

Caposettore Comunicazione e portavoce

Antje Baertschi
tel. +41 58 463 52 75
E-mail

Vice caposettore Comunicazione e portavoce

Fabian Maienfisch
tel. +41 58 462 40 20
E-mail

Portavoce

Livia Willi Yéré
tel. +41 58 469 69 28
E-Mail

Portavoce

Nadine Mathys
tel. +41 58 481 86 47
E-mail

 

Stampare contatto

Abbonamento alle news

https://www.seco.admin.ch/content/seco/it/home/seco/nsb-news.msg-id-39731.html