Prodotto interno lordo del 3° trimestre 2013

Berna, 28.11.2013 - Nel 3° trimestre 2013 il prodotto interno lordo reale della Svizzera (PIL) è aumentato dello 0,5% rispetto al trimestre precedente*. Sul fronte dell’utilizzo, alla crescita del PIL hanno contribuito soprattutto le esportazioni nette di merci, mentre su quello della produzione gli impulsi più positivi sono venuti dal valore aggiunto generato dall’industria. Rispetto al 3° trimestre del 2012 si è avuta una crescita del PIL del 1,9%.

Nel 3° trimestre 2013 sono aumentate dello 0,2% le spese delle economie domestiche e delle organizzazioni private senza scopo di lucro, un aumento meno marcato rispetto ai trimestri precedenti. Una crescita maggiore si è invece riscontrata nelle spese per i consumi dello Stato e delle assicurazioni sociali (+1,1% rispetto al 2° trimestre del 2013).

Gli investimenti fissi lordi sono aumentati dello 0,4%. Questi investimenti sono stati condizionati dalla leggera flessione (-0,1%) degli investimenti in impianti e attrezzature. Il settore «altri veicoli», che nel 2° trimestre aveva esercitato un’influenza fortemente positiva su questi ultimi, nel 3° trimestre ha fornito un contributo (altrettanto) negativo; quasi tutti gli altri settori hanno fatto registrare una crescita moderata. Nel 3° trimestre gli investimenti in edilizia sono aumentati dell’1,0%.

Dopo un periodo prolungato di movimento quasi laterale, il 3° trimestre 2013 ha visto un netto aumento (+3,7%) delle esportazioni di merci (esclusi i metalli preziosi, le pietre preziose e semipreziose, nonché gli oggetti d’arte e d’antiquariato). Questo risultato è dovuto principalmente alle esportazioni di prodotti farmaceutici e chimici. Sono aumentate anche le esportazioni di macchinari/prodotti elettronici, strumenti di precisione/orologi e metalli; solo per le esportazioni di veicoli si è registrata una leggera contrazione.

Le importazioni di merci (esclusi i metalli preziosi, le pietre preziose e semipreziose, nonché gli oggetti d’arte e d’antiquariato) sono salite dello 0,7%. Le importazioni di prodotti farmaceutici e chimici e quelle del settore (volatile) dei veicoli sono scese, mentre gli altri settori hanno avuto un andamento positivo.

Nel settore degli scambi di servizi le esportazioni turistiche (consumi di turisti stranieri in Svizzera) sono aumentate dello 0,7%. Lo stesso vale per le importazioni di servizi turistici, ossia le spese effettuate dai cittadini residenti in Svizzera durante le vacanze all’estero (+1.3%), mentre le importazioni e le esportazioni di altri servizi si sono ridotte (rispettivamente di -1,7% e -0,8%).

Per quanto riguarda la produzione molti settori hanno fatto registrare un aumento. Soprattutto l’industria ha dato un apporto positivo all’andamento del PIL. Anche l’edilizia e i rami delle assicurazioni, dei servizi professionali, scientifici e tecnici e della pubblica amministrazione hanno contribuito positivamente alla sua crescita.

Confrontato con lo stesso trimestre dello scorso anno, il deflatore del prodotto interno lordo è cresciuto dello 0,2%. I prezzi per le spese per i consumi privati sono scesi (-0,3%). Questo andamento negativo del deflatore ha avuto inizio alla fine del 2011. I prezzi degli investimenti in impianti e attrezzature sono di nuovo leggermente calati (-0,1%) e hanno quindi mantenuto il trend negativo degli ultimi quattro anni. Il deflatore degli investimenti in edilizia è aumentato dello 0,3% rispetto all’anno scorso. Sono rimasti invariati i prezzi all’esportazione (0,0%); l’aumento dei prezzi all’importazione è stato minimo (+0,1%)

*Salvo diversa indicazione, i tassi di variazione riportati sono calcolati rispetto al trimestre precedente (senza una proiezione su base annua) a partire da serie destagionalizzate e depurate dalle variazioni di prezzo. «Reale» sostituisce la formula «rispetto ai prezzi dell’anno precedente, valori concatenati, anno di riferimento 2005». Nel linguaggio ufficiale si parla anche di «andamento dei volumi». I commenti sull’andamento dell’indice dei prezzi si basano sulle variazioni dello stesso trimestre dell’anno precedente dei dati non destagionalizzati.


Indirizzo cui rivolgere domande

Segreteria di Stato dell'economia SECO
Holzikofenweg 36
CH-3003 Berna
tel. +41 58 462 56 56
fax +41 58 462 56 00



Pubblicato da

Segreteria di Stato dell'economia
http://www.seco.admin.ch

Ultima modifica 20.03.2019

Inizio pagina

Contatto

Domande scritte

In caso di domande scritte, inviare un’e-mail a: medien@seco.admin.ch

Capo del settore Comunicazione e portavoce

Antje Baertschi
tel. +41 58 463 52 75
fax +41 58 462 56 00
E-Mail

Vice caposettore Comunicazione e portavoce

Fabian Maienfisch
tel. +41 58 462 40 20
fax +41 58 462 56 00
E-Mail

Portavoce

Livia Willi
tel. +41 58 469 69 28
fax +41 58 462 56 00
E-Mail

 

Stampare contatto

Abbonamento alle news

https://www.seco.admin.ch/content/seco/it/home/seco/nsb-news.msg-id-51121.html