Attuazione delle misure collaterali alla libera circolazione delle persone Svizzera – UE nell’anno 2014

Berna, 05.05.2015 - L’attività degli organi di controllo si è stabilizzata nel 2014. Le commissioni tripartite e paritetiche hanno controllato le condizioni salariali e lavorative di più di 40’000 imprese e 159’000 persone. I miglioramenti legislativi e la professionalizzazione degli organi di controllo hanno consentito di contrastare il fenomeno del dumping salariale in maniera più mirata ed efficace.

Osservazione del mercato del lavoro – Datori di lavoro svizzeri
Nel 2014 le commissioni tripartite (CT) hanno controllato il rispetto delle condizioni salariali e lavorative usuali nei settori senza contratto collettivo di lavoro (CCL) di obbligatorietà generale presso 8’900 datori di lavoro svizzeri. Rispetto al 2013, l’attività di controllo delle CT è aumentata complessivamente del 8%. Il 4 % delle aziende Svizzere non sottoposte ad un CCL di obbligatorietà generale sono state oggetto di un controllo. Le CT hanno segnalato casi di dumping salariale presso il 10% dei datori di lavoro Svizzeri controllati (+2%). Con questi datori di lavoro le CT hanno effettuato delle procedure di conciliazione per provocare il pagamento posticipato dei salari. Il 60% di queste procedure sono terminate con successo. Perciò, rappresentano uno strumento efficace per combattere il dumping salariale.

Le commissioni paritetiche (CP) hanno controllato il rispetto delle condizioni salariali e lavorative dei settori assoggettati a CCL di obbligatorietà generale presso 9’500 datori di lavoro svizzeri. I controlli complessivi sono diminuiti del 17% rispetto al 2013. Le CP hanno rilevato una presunta infrazione ai salari minimi a norma di CCL presso il 29% delle imprese svizzere controllate (+4%). Inoltre le CP hanno effettuato 400 controlli relativi a CCL di obbligatorietà generale a livello cantonale.

Distacco di lavoratori e lavoratori indipendenti con obbligo di notifica
Nel 2014, le CT hanno controllato le condizioni salariali e lavorative usuali nei settori senza CCL di obbligatorietà generale presso oltre 5’600 aziende che controllate, ciò che rappresenta un aumento del 18%. Le CT hanno segnalato dei casi di dumping salariale rispetto al salario usuale per il 12% delle aziende che distaccano lavoratori (- 3%). Hanno inoltre verificato lo status di 3’300 lavoratori indipendenti (+6%).

Da parte loro, le CP hanno controllato le disposizioni stabilite nei CCL di obbligatorietà generale di 7’900 aziende che distaccano lavoratori (+22%) e verificato l’attività lavorativa indipendente di 3’500 persone (-7%). Da questi controlli risulta un tasso di presunte infrazioni nel 28% delle aziende distaccanti controllate (- 5%). Nell’ambito dei CCL di obbligatorietà generale a livello cantonale le CP hanno effettuato 1'200 controlli presso aziende distaccanti.

Obiettivi di controllo nettamente superati
I controlli sono effettuati in funzione del rischio e sono di conseguenza più intensivi nei rami o nelle regioni nei quelli i rischi di dumping salariale o d'infrazioni ai salari sono più elevati. Le infrazioni ai CCL di obbligatorietà generale (in particolare ai salari minimi) e i tassi di dumping salariale non riflettano la situazione globale sul mercato del lavoro, ma unicamente i risultati di certi rami e ditte mirati per l'anno preso in rassegna.

Insieme all’entrata in vigore dell’accordo sulla libera circolazione delle persone tra la Svizzera e l’UE, il 1° Giugno 2004 sono entrate in vigore le misure collaterali, che garantiscono condizioni di concorrenza uguali per imprese svizzere ed estere. Il rispetto delle condizioni salariali e lavorative in Svizzera viene controllato dalle commissioni paritetiche in settori con CCL di obbligatorietà generale e dalle commissioni tripartite in settori senza tale contratto. Il rapporto annuale della SECO sull’attività di controllo dimostra che nel 2014 gli obiettivi di controllo nazionali sono stati nettamente superati.


Indirizzo cui rivolgere domande

Segreteria di Stato dell'economia SECO
Holzikofenweg 36
CH-3003 Berna
tel. +41 58 462 56 56
fax +41 58 462 56 00



Pubblicato da

Segreteria di Stato dell'economia
http://www.seco.admin.ch

Ultima modifica 14.09.2020

Inizio pagina

Contatto

Domande per iscritto

In caso di domande per iscritto, inviare una e-mail a: medien@seco.admin.ch

Caposettore Comunicazione e portavoce

Antje Baertschi
tel. +41 58 463 52 75
E-mail

Vice caposettore Comunicazione e portavoce

Fabian Maienfisch
tel. +41 58 462 40 20
E-mail

Portavoce

Livia Willi Yéré
tel. +41 58 469 69 28
E-Mail

Portavoce

Nadine Mathys
tel. +41 58 481 86 47
E-mail

 

Stampare contatto

Abbonamento alle news

https://www.seco.admin.ch/content/seco/it/home/seco/nsb-news.msg-id-57132.html