Coronavirus: sospensione temporanea delle esecuzioni

Berna, 18.03.2020 - In tutta la Svizzera, dal 19 marzo fino al 4 aprile 2020 incluso, i debitori non potranno essere oggetto di un’esecuzione. Nella seduta del 18 marzo 2020 il Consiglio federale ha ordinato la cosiddetta sospensione delle esecuzioni. La misura intende sgravare le imprese svizzere in questo ambito.

A causa della situazione straordinaria, il Consiglio federale ha fatto uso della sua competenza decidendo la sospensione delle esecuzioni. Durante la sospensione ai debitori non possono essere notificati atti esecutivi.

Questa misura intende garantire l'attuazione uniforme del diritto in materia di esecuzione in tutta la Svizzera. La sospensione si applica dal 19 marzo alle ore 7 fino al 4 aprile 2020 a mezzanotte. Subito dopo iniziano le ferie dell'esecuzione disposte per legge. Queste hanno lo stesso effetto e durano fino al 19 aprile 2020.

Per i problemi di liquidità delle imprese sono necessarie altre misure

Con la sospensione, il Consiglio federale reagisce anche al fatto che, le misure eccezionali adottate, in particolare la chiusura dei ristoranti e dei negozi, causeranno a molte imprese difficoltà finanziarie. L'ordine di sospendere le esecuzioni contribuisce a sgravarle, ma non si tratta di uno strumento idoneo per ovviare a queste difficoltà a lungo termine.

Per tale motivo il Consiglio federale ha disposto la sospensione a tempo determinato e deciderà prossimamente le misure atte a proteggere meglio gli interessi in gioco. Inoltre, ha già stabilito il 13 marzo 2020 di combattere le difficoltà economiche con un aiuto immediato di 10 miliardi di franchi e di valutare altre misure a sostegno delle imprese.

Il Consiglio federale analizza le ripercussioni della crisi del coronavirus sulla giustizia

L'attuale pandemia e le misure adottate hanno ulteriori ripercussioni sulla giustizia. In particolare, alcune udienze dovranno essere rinviate e sarà più difficile rispettare i termini. Il Consiglio federale è consapevole di questa sfida e ha incaricato il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) di esaminare eventuali misure. In tale esame sono coinvolti gli ambienti interessati, in particolare i giudici e gli avvocati.


Indirizzo cui rivolgere domande

Ingrid Ryser, Ufficio federale di giustizia, T +41 58 462 48 48



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale di giustizia e polizia
http://www.ejpd.admin.ch

Ufficio federale di giustizia
http://www.bj.admin.ch

Ultima modifica 14.09.2020

Inizio pagina

Contatto

Domande per iscritto

In caso di domande per iscritto, inviare una e-mail a: medien@seco.admin.ch

Caposettore Comunicazione e portavoce

Antje Baertschi
tel. +41 58 463 52 75
E-mail

Vice caposettore Comunicazione e portavoce

Fabian Maienfisch
tel. +41 58 462 40 20
E-mail

Portavoce

Livia Willi Yéré
tel. +41 58 469 69 28
E-Mail

Portavoce

Nadine Mathys
tel. +41 58 481 86 47
E-mail

 

Stampare contatto

Abbonamento alle news

https://www.seco.admin.ch/content/seco/it/home/seco/nsb-news.msg-id-78482.html