Violazioni dei diritti umani in Nicaragua: il Consiglio federale emana sanzioni mirate

Berna, 24.06.2020 - Il 24 giugno 2020 il Consiglio federale ha emanato misure coercitive in relazione alla situazione osservata in Nicaragua. La Svizzera si allinea così alle sanzioni disposte dall’UE in seguito alle persistenti violazioni dei diritti umani, della democrazia e dello Stato di diritto in Nicaragua. L’ordinanza che istituisce provvedimenti nei confronti del Nicaragua entra in vigore il 24 giugno 2020.

Il 24 giugno 2020 il Consiglio federale ha deciso di adottare sanzioni finanziarie e restrizioni di viaggio nei confronti di sei persone vicine al presidente Daniel Ortega. Tali provvedimenti determinano il blocco dei valori patrimoniali e il divieto di ingresso e transito in Svizzera di queste persone. Attualmente riguardano due consulenti personali del presidente nicaraguense e quattro esponenti di alto rango dell’apparato di giustizia e polizia, accusati di gravi violazioni dei diritti umani. I valori patrimoniali soggetti al blocco devono essere notificati senza indugio alla SECO. Le sanzioni non vanno a colpire la popolazione nicaraguense.

Il Consiglio federale è seriamente preoccupato per il crescente indebolimento della democrazia, dello Stato di diritto e dei diritti umani in Nicaragua. Esso esorta le autorità del Paese a rispettare e a tutelare i diritti umani, e in particolare la libertà di espressione e di riunione, conformemente alle disposizioni del diritto nazionale e internazionale. Esorta inoltre le autorità nicaraguensi a rispettare i diritti fondamentali dei cittadini, come stabilito nei due accordi stipulati con le forze di opposizione a fine marzo 2019, e ad attuare una vera riforma elettorale. In linea con il suo impegno quarantennale per lo sviluppo del Nicaragua, la Svizzera è pronta a sostenere gli sforzi a favore di una soluzione pacifica del conflitto sociopolitico.

Con l’ordinanza del 24 giugno 2020 la Svizzera si associa alle sanzioni dell’UE nei confronti del Nicaragua. I provvedimenti descritti entrano in vigore il 24 giugno 2020 alle ore 18.00.


Indirizzo cui rivolgere domande

Comunicazione DEFR,
info@gs-wbf.admin.ch, 058 462 20 07


Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca
http://www.wbf.admin.ch

Ultima modifica 18.12.2020

Inizio pagina

Contatto

Domande per iscritto

In caso di domande per iscritto, inviare una e-mail a: medien@seco.admin.ch

Caposettore Comunicazione e portavoce

Antje Baertschi
tel. +41 58 463 52 75
E-mail

Vice caposettore Comunicazione e portavoce

Fabian Maienfisch
tel. +41 58 462 40 20
E-mail

Portavoce

Livia Willi Yéré
tel. +41 58 469 69 28
E-Mail

 

Stampare contatto

Abbonamento alle news

https://www.seco.admin.ch/content/seco/it/home/seco/nsb-news.msg-id-79575.html