Indennità di perdita di guadagno per il coronavirus: il diritto dei lavoratori indipendenti è prolungato fino al 16.9.2020

Berna, 01.07.2020 - Il diritto all’indennità di perdita di guadagno per il coronavirus per i lavoratori indipendenti direttamente e indirettamente colpiti delle misure contro il virus è prolungato fino al 16 settembre 2020. Il diritto a questa indennità sarà accordato anche alle persone impiegate nella propria impresa attiva nel settore ricreativo che si trovano in situazioni di rigore. È quanto ha deciso il Consiglio federale in occasione della sua seduta del 1° luglio 2020 per tenere conto del fatto che molte strutture non sono ancora in grado di riprendere la loro attività, o possono farlo solo in parte, benché i provvedimenti adottati per combattere il coronavirus siano stati parzialmente o completamente revocati.

Dal 6 giugno non vi è più alcuna struttura che deve rimanere chiusa e il divieto di svolgere manifestazioni è stato gradualmente allentato. Attualmente, il divieto resta in vigore a livello svizzero soltanto per le manifestazioni con oltre 1000 persone. I lavoratori indipendenti colpiti da questo provvedimento continuano ad avere diritto all’indennità di perdita di guadagno per il coronavirus. Per tutti gli altri il diritto è scaduto il 16 maggio oppure all’inizio di giugno. Benché le restrizioni siano state allentate, molte strutture continuano a subire perdite finanziarie. Il Consiglio federale ritiene che, data la situazione, sia giustificato continuare a sostenere queste imprese. Le persone in questione non dovranno intraprendere nulla: le casse di compensazione AVS riprenderanno a versare loro l’indennità.

Il Consiglio federale ha inoltre deciso di estendere il diritto all’indennità anche ai titolari di SA o S.a.g.l. impiegati nella propria impresa attiva nel settore ricreativo, che dal 1° giugno 2020 non hanno più diritto all’indennità per lavoro ridotto dell’assicurazione contro la disoccupazione, benché il loro settore continui a essere fortemente colpito dalla crisi del coronavirus. Queste persone saranno pertanto trattate in modo analogo ai lavoratori indipendenti indirettamente colpiti. L’attuazione di questa nuova indennità richiederà alcune settimane, ragion per cui si raccomanda alle persone interessate di attendere fino a metà luglio prima di presentare la richiesta di prestazioni alla cassa di compensazione AVS.

I costi aggiuntivi per il prolungamento e l’estensione del diritto all’indennità di perdita di guadagno per il coronavirus sono stimati a circa 1 miliardo di franchi e non richiedono lo stanziamento di un credito supplementare.


Indirizzo cui rivolgere domande

Settore Comunicazione
Effingerstrasse 20
CH-3003 Berna

tel. +41 58 462 77 11
kommunikation@bsv.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale dell'interno
http://www.edi.admin.ch

Ufficio federale delle assicurazioni sociali
http://www.ufas.admin.ch

Ultima modifica 14.09.2020

Inizio pagina

Contatto

Domande per iscritto

In caso di domande per iscritto, inviare una e-mail a: medien@seco.admin.ch

Caposettore Comunicazione e portavoce

Antje Baertschi
tel. +41 58 463 52 75
E-mail

Vice caposettore Comunicazione e portavoce

Fabian Maienfisch
tel. +41 58 462 40 20
E-mail

Portavoce

Livia Willi Yéré
tel. +41 58 469 69 28
E-Mail

Portavoce

Nadine Mathys
tel. +41 58 481 86 47
E-mail

 

Stampare contatto

Abbonamento alle news

https://www.seco.admin.ch/content/seco/it/home/seco/nsb-news.msg-id-79685.html