Coronavirus: i Cantoni appoggiano la strategia di transizione del Consiglio federale

Berna, 17.09.2021 - Da un sondaggio condotto presso i Cantoni emerge che una chiara maggioranza sostiene tuttora la strategia di transizione per la politica economica del Consiglio federale. L’Esecutivo intende pertanto proseguire sulla via della normalizzazione applicando gli strumenti a disposizione. Con la protezione per il settore degli eventi pubblici e gli strumenti ordinari di politica economica quali il lavoro ridotto o la promozione della piazza economica, la Confederazione è ben preparata per accompagnare la fase di ritorno alla normalità. Il Consiglio federale intende risolvere i problemi di transizione inerenti agli aiuti per i casi di rigore. L’Esecutivo osserva attentamente l’evoluzione della situazione economica.

Dopo l’estensione dell’obbligo del certificato, il Consiglio federale ha deciso di sentire i Cantoni in merito alla necessità di misure di sostegno a favore della politica economica e in occasione della seduta del 17 settembre 2021 ha preso conoscenza dei risultati del sondaggio. Un’ampia maggioranza dei Cantoni ritiene che gli ordinari strumenti di politica economica siano sufficienti e che gli aiuti straordinari non debbano essere prorogati. Al fine di eliminare i dubbi e problemi in singoli settori sollevati da alcuni Cantoni, il Consiglio federale intende continuare a osservare attentamente l’evoluzione della situazione economica e, se necessario, proporrà provvedimenti adeguati in una fase successiva. Secondo la strategia di transizione approvata il 18 giugno 2021, dal 2022 verranno ripristinati gli strumenti ordinari e consolidati.

In particolare, le PMI potranno ottenere crediti garantiti nell’ambito del sistema di fideiussione riconosciuto dalla Confederazione. Quest’ultima ha poi deciso un programma di recupero per il settore del turismo. Oltre a queste misure sono disponibili gli strumenti ordinari di promozione della piazza economica, come il sostegno delle esportazioni e della politica regionale. Sino alla fine di aprile 2022, a ciò si aggiungerà la protezione per il settore degli eventi pubblici. Inoltre, in situazioni di crisi, si potrà continuare a ricorrere alla consueta indennità per lavoro ridotto indipendentemente dalle disposizioni straordinarie della legge COVID-19. Al fine di contenere l’onere amministrativo, la procedura semplificata nell’ambito del lavoro ridotto prevista a livello di ordinanza deve essere prorogata sino alla fine del 2021.

Per sostenere i settori particolarmente colpiti dalla pandemia, l’Esecutivo ha messo a disposizione dei Cantoni 300 milioni dalla «riserva del Consiglio federale» mediante l’ordinanza COVID-19 casi di rigore. Quasi tutti i Cantoni stanno utilizzando o valutano la possibilità di utilizzare questi fondi supplementari per aumentare i contributi nei casi di rigore a favore delle imprese particolarmente colpite o finanziare le prestazioni precedenti che hanno già fornito alle imprese. La maggioranza dei Cantoni ritiene che per il momento i 300 milioni siano sufficienti. La Confederazione continuerà però a monitorare la situazione congiuntamente ai Cantoni e in caso di necessità metterà a disposizione ulteriori fondi dalla riserva del Consiglio federale nel corso del 2021.

Nel quadro del sondaggio, i Cantoni hanno segnalato alla Confederazione possibili problemi di transizione legati all’ordinanza COVID-19 casi di rigore. I termini per la chiusura delle pratiche sono considerati troppo brevi, soprattutto in caso di azioni giudiziarie pendenti, così come il termine previsto per disciplinare contrattualmente la riserva del Consiglio federale a livello di Confederazione e Cantoni. L’Esecutivo propone quindi di adeguare le basi giuridiche affinché vi sia più tempo a disposizione per il disbrigo dei casi di rigore.


Indirizzo cui rivolgere domande

Comunicazione
Dipartimento federale delle finanze DFF
Tel. +41 58 462 60 33, info@gs-efd.admin.ch

Comunicazione
Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca DEFR
Tel. +41 58 462 20 07, info@gs-wbf.admin.ch


Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Amministrazione federale delle finanze
http://www.efv.admin.ch

Segreteria generale DEFR
http://www.wbf.admin.ch

Segreteria di Stato dell'economia
http://www.seco.admin.ch

Ultima modifica 20.12.2021

Inizio pagina

Contatto

Domande per iscritto

In caso di domande per iscritto, inviare una e-mail a: medien@seco.admin.ch

Caposettore Comunicazione e portavoce

Antje Baertschi
tel. +41 58 463 52 75
E-mail

Vice caposettore Comunicazione e portavoce

Fabian Maienfisch
tel. +41 58 462 40 20
E-mail

Portavoce

Livia Willi Yéré
tel. +41 58 469 69 28
E-Mail

 

Stampare contatto

Abbonamento alle news

https://www.seco.admin.ch/content/seco/it/home/seco/nsb-news.msg-id-85163.html