E-government: transazioni online sempre più significative per le imprese

Berna, 28.11.2013 - L’ultimo «Studio sul connubio tra e-government e imprese» dimostra che la diffusione di Internet è estremamente alta tra le aziende svizzere. Il 97% degli intervistati può accedere direttamente a Internet dal proprio posto di lavoro. Il 59% degli intervistati, tuttavia, non si accontenta di ricevere informazioni per via elettronica, ma vuole sbrigare direttamente online le procedure con le autorità. L’Amministrazione si aggiudica un buon giudizio sia per quanto riguarda la vicinanza al cliente sia per la sua offerta Internet. Rispetto al 2011 è aumentata la soddisfazione nei confronti della SuisseID, che vanta anche una maggior diffusione nel mondo delle imprese. I social media hanno guadagnato importanza rispetto all’ultimo sondaggio, ma i rappresentanti delle aziende continuano a esprimere giudizi differenziati sulla loro utilità.

La rassegna di studi «E-government e imprese» è stata inaugurata otto anni fa per monitorare la domanda di servizi online messi a disposizione dalle autorità e la soddisfazione dell’utenza riguardo ai portali. Su richiesta della Segreteria di Stato dell’economia (SECO), nell’estate 2013 l’istituto demoscopico gfs.bern ha intervistato i rappresentanti di circa mille imprese in tutta la Svizzera. Secondo lo studio, il 97% degli intervistati può accedere direttamente a Internet dal proprio posto di lavoro. Ben l’83% degli intervistati dichiara di utilizzare la rete per sette giorni su sette, fine settimana compreso. L’importanza dei contatti telematici con le autorità è andata progressivamente crescendo negli ultimi anni. In confronto alle tante possibilità di comunicazione, tuttavia, il contatto telefonico è apprezzato tanto quanto quello elettronico.

Transazioni online sempre più significative
I rapporti telematici con le autorità si stanno intensificando. Il 59% degli intervistati non si accontenta di ricevere informazioni per via elettronica, ma vuole sbrigare direttamente tramite Internet le procedure amministrative con le autorità. Negli ultimi anni si conferma la tendenza crescente delle aziende a utilizzare l’online, specialmente per le pratiche riguardanti infortuni e assicurazioni sociali. Com’è emerso dalle risposte a una domanda aperta, sarebbero necessarie urgenti semplificazioni soprattutto dell’IVA e delle relazioni con il fisco.

Positive la vicinanza al cliente e l’offerta Internet
Negli scorsi otto anni il giudizio positivo sulla vicinanza dell’Amministrazione al cliente è migliorato di anno in anno. Questa tendenza si è riconfermata nel 2013: secondo una netta maggioranza degli intervistati, nel complesso l’Amministrazione è vicina all’utente. A seconda delle dimensioni aziendali sono state espresse valutazioni favorevoli nella misura del 76-83%, da «piuttosto» a «molto soddisfatto». Anche il giudizio sull’offerta Internet della pubblica Amministrazione supera quello del 2011. Per l’84% degli intervistati l’offerta online della pubblica Amministrazione è, nell’insieme, da piuttosto buona a molto buona. L’offerta Internet che piace di più è quella dei Cantoni (85%), seguita dalla Confederazione (75%) e da città/Comuni (72%).

Aumenta la soddisfazione per la SuisseID, sempre più diffusa
Nel 2011 il sondaggio aveva rilevato i primi dati sulla SuisseID, la «prova elettronica dell’identità». Nel 2011 un terzo degli intervistati aveva dichiarato di conoscere la SuisseID, mentre oggi il dato è salito al 42%. Il 6% di tutti gli intervistati dichiara di possedere una SuisseID a titolo professionale e il 3% a titolo privato (in entrambi i casi + 2% rispetto al 2011). In generale, chi possiede una SuisseID ne è soddisfatto e, nel caso specifico, questa soddisfazione è in rialzo rispetto al 2011. Attualmente sono molto o piuttosto soddisfatti della SuisseID rispettivamente il 41% e il 39% degli intervistati.

Crescita progressiva dei social media
In confronto al 2011, l’importanza delle reti sociali è sì in lieve aumento, ma le transazioni tradizionali come il traffico dei pagamenti online oppure i contatti elettronici con le autorità continuano ad essere considerate di gran lunga più significative. Le opinioni sull’utilità di svariate offerte online non hanno praticamente subìto variazioni dal 2011. La palma dell’utilità continua ad essere attribuita alla possibilità di evadere online tutte le incombenze legate alle autorizzazioni ufficiali: l’83% degli intervistati la ritiene da abbastanza a molto utile. Viceversa, sono in pochi a ritenere molto o abbastanza utili i forum ufficiali di discussione statali (35%) oppure i profili sui social network (19%). Quanto a questi ultimi, pur avendo guadagnato terreno rispetto all’ultimo sondaggio, la loro utilità non sembra ancora aver convinto del tutto i rappresentanti delle aziende.


Indirizzo cui rivolgere domande

Segreteria di Stato dell'economia SECO
Holzikofenweg 36
CH-3003 Berna
tel. +41 58 462 56 56
fax +41 58 462 56 00



Pubblicato da

Segreteria di Stato dell'economia
http://www.seco.admin.ch

Ultima modifica 12.02.2020

Inizio pagina

Contatto

Domande per iscritto

In caso di domande per iscritto, inviare una e-mail a: medien@seco.admin.ch

Caposettore Comunicazione e portavoce

Antje Baertschi
tel. +41 58 463 52 75
E-mail

Vice caposettore Comunicazione e portavoce

Fabian Maienfisch
tel. +41 58 462 40 20
E-mail

Portavoce

Nadine Mathys
tel. +41 58 481 86 47
E-mail

 

Stampare contatto

Abbonamento alle news

https://www.seco.admin.ch/content/seco/it/home/seco/nsb-news.msg-id-51128.html