La fiducia dei consumatori conferma la stabilizzazione della congiuntura

Berna, 05.02.2020 - Le economie domestiche guardano con maggiore fiducia all’evoluzione della situazione economica e del mercato del lavoro. Tuttavia, nel complesso il clima di fiducia dei consumatori rimane inferiore alla media perché le economie domestiche continuano a valutare negativamente la propria situazione finanziaria.

Complessivamente il clima di fiducia dei consumatori svizzeri rimane improntato alla prudenza. A gennaio 2020 l’indice* che misura questo valore si situa a quota −9 rimanendo così al di sotto della media pluriennale (−5 punti). Dall’inizio del 2019 l’indice non ha quasi subìto variazioni.

Recentemente si è registrato un significativo miglioramento significativo delle aspettative sull’andamento generale dell’economia: il relativo sottoindice è passato da −19 a −7 punti. Si situa dunque leggermente al di sopra della media (−9 punti) e segnala una crescita economica più o meno nella media. In linea con il miglioramento delle aspettative sull’andamento dell’economia, i consumatori si sono mostrati più fiduciosi anche per quanto riguarda il mercato del lavoro: il sottoindice relativo alle aspettative sulla disoccupazione ha subìto un calo significativo passando da 48 a 33 punti attestandosi ben al di sotto della media pluriennale. Allo stesso tempo, la sicurezza dei posti di lavoro continua a essere valutata positivamente. Gli intervistati ritengono pertanto che la situazione del mercato del lavoro rimarrà stabile ai buoni livelli attuali.

Ciononostante, le previsioni sulla situazione finanziaria delle singole economie domestiche rimangono negative, fattore che spiega perché il clima di fiducia rimane complessivamente cupo. Sia la situazione finanziaria recente (−14 punti) sia quella prevista (−8 punti) sono state valutate ben al di sotto della media (pari rispettivamente a −7 e +2 punti). Pertanto, il miglioramento che si era delineato nel trimestre precedente non è stato confermato dal sondaggio di gennaio e anzi le previsioni sulla situazione finanziaria individuale sono nuovamente peggiorate. La propensione a effettuare acquisti importanti è invece rimasta invariata a −8 punti scostandosi solo leggermente dalla media (−6 punti).

Inoltre, i risultati del sondaggio mostrano un aumento significativo delle aspettative sull’andamento dei prezzi. A ciò potrebbe aver contribuito il forte incremento del prezzo del petrolio registrato a gennaio, poco prima del sondaggio. Le aspettative al rialzo sull’evoluzione dei prezzi potrebbero spiegare perché le economie domestiche si mostrano pessimiste sulla propria situazione finanziaria, mentre sono più ottimiste per quanto riguarda l’economia e il mercato del lavoro.

*Da luglio 2019 il clima di fiducia dei consumatori si calcola in base ai seguenti sottoindici destagionalizzati e corretti per gli effetti di calendario: evoluzione economica attesa, situazione finanziaria recente, situazione finanziaria prevista e opportunità di effettuare acquisti importanti. Per maggiori informazioni: www.seco.admin.ch/clima-consumatori.


Indirizzo cui rivolgere domande

Segreteria di Stato dell'economia SECO
Holzikofenweg 36
CH-3003 Berna
tel. +41 58 462 56 56
fax +41 58 462 56 00



Pubblicato da

Segreteria di Stato dell'economia
http://www.seco.admin.ch

Ultima modifica 12.02.2020

Inizio pagina

Contatto

Domande per iscritto

In caso di domande per iscritto, inviare una e-mail a: medien@seco.admin.ch

Caposettore Comunicazione e portavoce

Antje Baertschi
tel. +41 58 463 52 75
E-mail

Vice caposettore Comunicazione e portavoce

Fabian Maienfisch
tel. +41 58 462 40 20
E-mail

Portavoce

Nadine Mathys
tel. +41 58 481 86 47
E-mail

 

Stampare contatto

Abbonamento alle news

https://www.seco.admin.ch/content/seco/it/home/seco/nsb-news.msg-id-78006.html