Ucraina: attuate ulteriori sanzioni commerciali e finanziarie contro la Russia

Berna, 04.03.2022 - Il 4 marzo 2022 il Consiglio federale ha adottato la revisione totale dell’«ordinanza che istituisce provvedimenti in relazione alla situazione in Ucraina» riprendendo altri pacchetti di sanzioni dell’Unione europea contro la Russia. Le nuove misure riguardano in particolare il commercio e il settore finanziario. La lista delle sanzioni della Svizzera è stata ampliata. La loro attuazione avviene nel rispetto della neutralità e tiene conto delle attività umanitarie.

Dopo che il Consiglio federale ha deciso, lo scorso 28 febbraio, di riprendere le sanzioni dell’UE del 23 e del 25 febbraio a seguito del protrarsi dell’intervento militare russo in Ucraina, le misure previste vengono ora interamente attuate. Si tratta principalmente di sanzioni commerciali e finanziarie. Le modifiche entrano in vigore il 4 marzo alle ore 18:00 e sono consultabili sul sito indicato sotto.

Con la nuova ordinanza si vieta l’esportazione in Russia di tutti i beni a duplice impiego, a prescindere dallo scopo o dal destinatario finale. Non è possibile esportare nemmeno i beni che potrebbero contribuire al rafforzamento militare e tecnologico della Russia o allo sviluppo del suo settore di difesa e di sicurezza. In questo contesto sono vietate anche l’assistenza tecnica, l’intermediazione e la concessione di mezzi finanziari.

Non è più permesso esportare in Russia alcuni beni e servizi in ambito petrolifero. Inoltre è vietata l’esportazione di determinati beni e tecnologie impiegabili nell’aviazione e nell’industria spaziale. Il divieto riguarda anche alcuni servizi legati a questi beni, ad esempio assicurazioni, riparazioni, ispezioni, così come l’intermediazione e l’assistenza finanziaria.

È vietato fornire finanziamenti pubblici o assistenza finanziaria per il commercio o gli investimenti in Russia. Altre misure in questo ambito riguardano cartevalori, mutui e l’accettazione di depositi. Non sono più consentite nemmeno le transazioni con la Banca centrale russa. Il Consiglio federale ha deciso di adottare anche le sanzioni in ambito finanziario che l’UE ha emanato il 1° marzo 2022, incluse le deroghe corrispondenti. Il pacchetto di misure include anche il sistema di messaggistica internazionale SWIFT.

Il Consiglio federale ha inoltre deciso di riprendere nell’allegato 8 l’elenco pubblicato dall’UE il 28 febbraio 2022 e di bloccare gli averi di altre persone legate al presidente russo Putin.

L’attuazione delle sanzioni avviene nel rispetto della neutralità. Per quanto riguarda i beni a duplice impiego, non si fa differenza tra scopi militari e utilizzatori finali militari. Il Consiglio federale è intenzionato a fare in modo che le sanzioni emanate non ostacolino le attività umanitarie, pertanto ha previsto apposite deroghe nei casi in cui le sanzioni potrebbero compromettere tali attività.

Il Consiglio federale segue da vicino gli ulteriori sviluppi e deciderà autonomamente in merito all’eventuale adozione di ulteriori sanzioni dell’UE contro la Russia.


Indirizzo cui rivolgere domande

Domande (per i giornalisti): Comunicazione DEFR, tel. 058 462 20 07, info@gs-wbf.admin.ch

Domande (per le imprese): sanctions@seco.admin.ch, tel. 058 464 08 12



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca
http://www.wbf.admin.ch

Segreteria di Stato per le questioni finanziarie internazionali
http://www.sif.admin.ch

Ultima modifica 21.01.2022

Inizio pagina

Contatto

Domande per iscritto

In caso di domande per iscritto, inviare una e-mail a: medien@seco.admin.ch

Caposettore Comunicazione e portavoce

Antje Baertschi
tel. +41 58 463 52 75
E-mail

Vice caposettore Comunicazione e portavoce

Fabian Maienfisch
tel. +41 58 462 40 20
E-mail

Portavoce

Livia Willi Yéré
tel. +41 58 469 69 28
E-Mail

 

Stampare contatto

Abbonamento alle news

https://www.seco.admin.ch/content/seco/it/home/seco/nsb-news.msg-id-87474.html