Ucraina: il Consiglio federale inasprisce le sanzioni contro la Bielorussia

Berna, 16.03.2022 - Il 16 marzo 2022 il Consiglio federale ha adottato la revisione totale dell’«ordinanza che istituisce provvedimenti nei confronti della Bielorussia». Le nuove misure riguardano in particolare il settore commerciale e quello finanziario, la loro attuazione tiene conto delle attività umanitarie.

In data 2 e 9 marzo 2022 l’UE ha ampliato le sanzioni nei confronti della Bielorussia in relazione alla corresponsabilità di questo Paese per le violazioni del diritto internazionale commesse dalla Russia in Ucraina. Il 16 marzo 2022 il Consiglio federale ha deciso di riprendere in toto questi provvedimenti, principalmente a carattere commerciale e finanziario e molto analoghi alle misure che l’UE e la Svizzera hanno già adottato contro la Russia. Le modifiche entrano in vigore il 16 marzo alle ore 12:00 e sono consultabili sul sito indicato sotto.

Tra le novità vi è il divieto di esportazione in Bielorussia di tutti i beni a duplice impiego (civile o militare), a prescindere dallo scopo o dal destinatario finale. Viene inoltre vietata l’esportazione di determinati macchinari e di beni per il rafforzamento militare e tecnologico o per lo sviluppo del settore della difesa e della sicurezza. In relazioni a tali beni non è più permesso fornire assistenza tecnica, servizi di intermediazione né mezzi finanziari.

Sono stati ampliati anche i divieti di importazione nei confronti della Bielorussia, che ora includono anche i prodotti del legno e della gomma, ferro, acciaio e cemento.

In base alla nuova ordinanza è vietato fornire finanziamenti pubblici o assistenza finanziaria pubblica per gli scambi commerciali o gli investimenti in tale Paese. Altri provvedimenti in ambito finanziario concernono titoli di credito, mutui e l’accettazione di depositi. Le transazioni con la Banca centrale bielorussa non sono più consentite. Inoltre, le banche elencate nell’allegato sono escluse dal sistema di messaggistica internazionale SWIFT.


Indirizzo cui rivolgere domande

Domande (per i giornalisti): Comunicazione DEFR, tel. 058 462 20 07, info@gs-wbf.admin.ch

Domande (per le imprese): sanctions@seco.admin.ch, tel. 058 464 08 12



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca
http://www.wbf.admin.ch

Ultima modifica 30.11.2022

Inizio pagina

Contatto

Domande per iscritto

In caso di domande per iscritto, inviare una e-mail a: medien@seco.admin.ch

Caposettore Comunicazione e portavoce

Antje Baertschi
tel. +41 58 463 52 75
E-mail

Vice caposettore Comunicazione e portavoce

Fabian Maienfisch
tel. +41 58 462 40 20
E-mail

 

Stampare contatto

Abbonamento alle news

https://www.seco.admin.ch/content/seco/it/home/seco/nsb-news.msg-id-87614.html