Prodotto interno lordo nel 1° trimestre 2022: la ripresa continua, con andamenti diversi nei vari settori

Berna, 31.05.2022 - Dopo l’incremento dello 0,2 % registrato nel 4° trimestre 2021, il PIL è ancora cresciuto dello 0,5 %*. Come previsto, la ripresa economica è proseguita, soprattutto grazie al contributo del settore industriale. All’inizio del trimestre il settore dei servizi ha subìto dei rallentamenti dovuti all’ultima ondata di coronavirus e alle conseguenti misure adottate.

Nel 1° trimestre il valore aggiunto nel settore manifatturiero ha nuovamente registrato una robusta progressione (+1,7 %). Mentre la crescita dell’industria chimico-farmaceutica ha subìto un rallentamento, negli altri rami industriali la dinamica ha mostrato un’evidente accelerazione, sostenuta dalla domanda nei principali Paesi partner commerciali. Di conseguenza, l’incremento delle esportazioni di beni** (+1,4%) è stato superiore alla media storica. Sono tra l’altro aumentate le esportazioni di strumenti di precisione, orologi e gioielli, macchinari e metalli. Nel caso delle importazioni di beni** la crescita è stata ancora più marcata (+6,1 %), sotto la spinta determinante delle importazioni di prodotti chimici e farmaceutici.

L’evoluzione positiva dell’industria ha coinvolto anche parte del settore dei servizi, favorendo così l’andamento del commercio all’ingrosso e impedendo un calo più consistente del commercio (−0,1 %) nel suo complesso. A sua volta, il ramo dei trasporti e delle comunicazioni (+0,2 %) ha beneficiato dei maggiori trasbordi di merci, mentre la mobilità ridotta della popolazione a seguito della recente ondata di coronavirus ha avuto su di esso un effetto frenante.

Nel 1° trimestre le misure di politica sanitaria hanno limitato l’economia in modo molto meno incisivo rispetto alle precedenti, inoltre sono state allentate già a partire da febbraio. Non si è quindi assistito a un nuovo drastico crollo della creazione di valore nemmeno nei comparti direttamente interessati. Solo il settore alberghiero e della ristorazione ha subìto un calo significativo (−2,2%). La ripresa del numero di ospiti stranieri è stata rallentata all’inizio dell’anno e l’obbligo o la raccomandazione del telelavoro ha limitato la domanda nel settore della ristorazione. Di riflesso, è aumentato il fatturato del commercio al dettaglio nel settore alimentare. In altri ambiti del consumo privato (+0,4%) si sono osservati segnali di normalizzazione: gli acquisti di beni nel settore non alimentare si sono attenuati su livelli elevati; si sono invece riattivati i viaggi all’estero.

L’unica altra componente della domanda finale interna a crescere in modo significativo è stata quella del consumo dello Stato (+1,4%), trainata dalle spese legate alla pandemia. Gli investimenti in beni di equipaggiamento (−3,1 %) sono diminuiti dopo il forte andamento del trimestre precedente. Il motivo è da ricondurre principalmente alla volatilità degli investimenti in ricerca e sviluppo. In linea con il calo del valore aggiunto nell’edilizia (−0,4 %), anche gli investimenti nell’edilizia sono ulteriormente diminuiti (−0,7 %), tra l’altro a causa di strozzature nella fornitura di prodotti intermedi.

Nota
Per maggiori informazioni sull’andamento del PIL nel 1° trimestre è possibile consultare le tendenze congiunturali per l’estate 2022 (in tedesco) sul sito www.seco.admin.ch/pil.
La pandemia da coronavirus si ripercuote anche sull’elaborazione delle statistiche. Come raccomandato da Eurostat, l’ufficio statistico dell’Unione europea, i dati di base e i metodi utilizzati nel calcolo del PIL attuale sono stati rivisti in dettaglio per evitare effetti distorsivi dovuti alla pandemia***. Alla luce dei dati disponibili è tuttavia possibile che nei prossimi trimestri siano necessarie revisioni più ampie del solito.

* Tasso di variazione reale rispetto al trimestre precedente. Al netto degli eventi sportivi, nel 1° trimestre 2022 la crescita del PIL è ammontata allo 0,4 % contro lo 0,3 % del 4° trimestre 2021.
** Esclusi gli oggetti di valore.
*** Cfr. https://ec.europa.eu/eurostat/data/metadata/covid-19-support-for-statisticians.


Indirizzo cui rivolgere domande

Segreteria di Stato dell'economia SECO
Holzikofenweg 36
CH-3003 Berna
tel. +41 58 462 56 56
medien@seco.admin.ch



Pubblicato da

Segreteria di Stato dell'economia
http://www.seco.admin.ch

Ultima modifica 30.11.2022

Inizio pagina

Contatto

Domande per iscritto

In caso di domande per iscritto, inviare una e-mail a: medien@seco.admin.ch

Caposettore Comunicazione e portavoce

Antje Baertschi
tel. +41 58 463 52 75
E-mail

Vice caposettore Comunicazione e portavoce

Fabian Maienfisch
tel. +41 58 462 40 20
E-mail

 

Stampare contatto

Abbonamento alle news

https://www.seco.admin.ch/content/seco/it/home/seco/nsb-news.msg-id-89057.html