Azione civile contro Luxstyle e Viagogo

Berna, 03.10.2017 - La Segreteria di Stato dell’economia SECO ha inoltrato due azioni civili contro la società danese Luxstyle e la società Viagogo con sede a Ginevra. L’azione civile contro Luxstyle è stata depositata presso il Tribunale commerciale del Canton Berna il 29 giugno 2017, mentre quella contro Viagogo il 21 settembre 2017 presso il Tribunale commerciale di Zurigo. Le due azioni civili hanno lo scopo di impedire determinate pratiche commerciali messe in atto da queste due società, che agli occhi della SECO sono da considerarsi sleali.

Nel dicembre 2016, la SECO ha pubblicato un avvertimento relativo alle pratiche poco trasparenti del sito internet www.stylelux.ch. Molte delle persone interessate hanno indicato di aver ricevuto merce senza aver confermato alcuna ordinazione. Al momento della consegna sono state inoltre fatturate spese e tasse doganali non menzionate in precedenza.

La pagina internet www.stylelux.ch viene utilizzata dalla società Lux International Sales ApS, con sede a Odense, in Danimarca, per la vendita di prodotti di bellezza e di cosmesi. Lux International Sales ApS offre i suoi prodotti anche tramite pubblicità su Facebook e Instagram.

Con il suo operato la società contravviene alle disposizioni sulla trasparenza valide per i negozi online contenute nella legge contro la concorrenza sleale (LCSl), nonché alle prescrizioni contenute nell’ordinanza sull’indicazione dei prezzi (OIP). La SECO contesta in particolare l’assenza di un riepilogo completo dell’ordinazione e la mancanza della possibilità di correggere quest’ultima. Inoltre, il prezzo finale non viene indicato correttamente e mancano ugualmente le menzioni relative a eventuali costi doganali, di sdoganamento e all’IVA svizzera.

In totale, più di 200 reclami provenienti dalla Svizzera sono stati trasmessi alla SECO contro Luxstyle.

Tramite l’azione civile contro Viagogo, la SECO vorrebbe rendere più trasparente il sito internet di questo rivenditore di biglietti a livello mondiale. Negli ultimi due anni la SECO ha ricevuto più di 260 reclami, di cui molti provenienti dall’estero. Con quest’azione civile, la SECO chiede che Viagogo indichi in maniera chiara sul suo sito internet il prezzo effettivamente da pagare, rispettivamente il prezzo finale dei biglietti, durante tutta la procedura d’acquisto. Questo prezzo deve comprendere l’IVA e tutti i supplementi non facoltativi, come le spese amministrative e di spedizione. Viagogo dovrà anche indicare in maniera chiara sul suo sito che si tratta di una piattaforma di rivendita di biglietti. È stato inoltre chiesto di vietare a Viagogo di mettere gli interessati sotto pressione in maniera artificiale durante la procedura d’acquisto. Infine, Viagogo non dovrà utilizzare espressioni fuorvianti o ingannevoli, come per esempio prezzo più basso, nessuna coda, ecc.

Sta ora ai due tribunali commerciali giudicare in merito alla conformità alla legge dei comportamenti contestati con queste azioni civili.


Indirizzo cui rivolgere domande

Segreteria di Stato dell'economia SECO
Holzikofenweg 36
CH-3003 Berna
tel. +41 58 462 56 56
fax +41 58 462 56 00


Pubblicato da

Segreteria di Stato dell'economia
http://www.seco.admin.ch

Ultima modifica 20.03.2019

Inizio pagina

Contatto

Domande scritte

In caso di domande scritte, inviare un’e-mail a: medien@seco.admin.ch

Capo del settore Comunicazione e portavoce

Antje Baertschi
tel. +41 58 463 52 75
fax +41 58 462 56 00
E-Mail

Vice caposettore Comunicazione e portavoce

Fabian Maienfisch
tel. +41 58 462 40 20
fax +41 58 462 56 00
E-Mail

Portavoce

Livia Willi
tel. +41 58 469 69 28
fax +41 58 462 56 00
E-Mail

Stampare contatto

Abbonamento alle news

https://www.seco.admin.ch/content/seco/it/home/seco/nsb-news/medienmitteilungen-2017.msg-id-68311.html