Visita ufficiale a Berna del Primo Ministro cinese Li Keqiang

Berna, 24.05.2013 - Il 24 maggio 2013, il Primo Ministro cinese Li Keqiang ha effettuato una visita ufficiale a Berna su invito del Presidente della Confederazione Ueli Maurer. Il Premier cinese è stato accolto dal Presidente della Confederazione, dal Vicepresidente del Consiglio federale nonché capo del DFAE Didier Burkhalter e dal capo del DEFR Johann Schneider-Ammann. Oltre a diverse questioni di carattere bilaterale e internazionale, i colloqui hanno avuto per oggetto principale la conclusione dei negoziati di libero scambio tra i due Paesi.

Il Presidente della Confederazione Ueli Maurer ha ricevuto il Primo Ministro cinese Li Keqiang nella Residenza del Lohn a Kehrsatz. Il Consigliere federale Maurer, capo del Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS), si è detto onorato e lieto di ricevere il nuovo Premier cinese in occasione della sua prima visita ufficiale in Europa. Nel suo discorso di benvenuto, il Presidente della Confederazione ha messo in risalto la qualità delle tradizionali e consolidate relazioni tra la Cina e la Svizzera, soffermandosi sull'ulteriore potenziale di sviluppo dei rapporti bilaterali.

Nel quadro della visita ufficiale è stata formalmente confermata a livello tecnico la conclusione dei negoziati sull'accordo di libero scambio tra la Svizzera e la Cina. L'accordo ha per oggetto il commercio di merci (prodotti industriali e agricoli), le regole d'origine, le agevolazioni commerciali, le barriere di carattere non tariffario al commercio, il commercio nel settore dei servizi, la protezione della proprietà intellettuale, la promozione degli investimenti, la concorrenza, la trasparenza nel settore degli acquisti pubblici, la cooperazione economica e tecnica, disposizioni commerciali a tutela dell'ambiente nonché, in un accordo parallelo, disposizioni commerciali sugli standard lavorativi. Nell'accordo sono previsti un comitato congiunto di vigilanza sull'applicazione e sullo sviluppo di quanto convenuto e un meccanismo per la risoluzione delle divergenze. Nel preambolo dell'accordo sono menzionati principi, valori e strumenti fondamentali delle relazioni e del diritto internazionali.

Il Consigliere federale Johann Scheider-Amman, capo del Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca (DEFR), ha espresso la sua soddisfazione per la conclusione dei negoziati: «Questo accordo segna una nuova importante tappa nelle relazioni economiche tra la Cina e la Svizzera e consentirà di rendere durevolmente ancora più dinamici la cooperazione e gli scambi tra i nostri due Paesi».

Firma degli accordi bilaterali
Tra gli atti firmati il 24 maggio a Berna dalle delegazioni dei due Paesi figurano anche un accordo concernente l'avvio di un dialogo bilaterale sulle tematiche finanziarie, una convenzione accademica, un trattato inerente al settore dell'orologeria nonché due accordi elaborati dalla Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC) sullo sviluppo sostenibile e sulla formazione in materia.

Le discussioni tra le due delegazioni hanno avuto come oggetto anche le questioni ambientali, i diritti dell'uomo e aspetti inerenti alla sicurezza internazionale. Diversi temi d'attualità - quali la situazione sulla penisola coreana e nel Medio Oriente - sono stati al centro dello scambio di opinioni tra il Primo Ministro cinese e il capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) Didier Burkhalter. Il Consigliere federale Burkhalter si è detto lieto del proseguimento delle consultazioni politiche di alto livello tra i due Paesi, riferendosi anche alla sua visita a Pechino nello scorso mese di aprile e ai colloqui avuti con il Ministro degli affari esteri cinese Wang Yi e con il Vice Primo Ministro Wang Yang.

Oltre alla delegazione del Consiglio federale, hanno presenziato alla visita del Primo Ministro cinese a Berna anche i quattro Segretari di Stato: Marie-Gabrielle Ineichen-Fleisch, Segretaria di Stato in qualità di direttrice della Segreteria di Stato dell'economia (SECO), Yves Rossier, Segretario di Stato del DFAE, Michael Ambühl, Segretario di Stato del Dipartimento federale delle finanze (DFF), e Mauro Dell'Ambrogio, Segretario di Stato per la formazione, la ricerca e l'innovazione (SEFRI).

La delegazione cinese, costituita di numerosi Ministri e responsabili di alto livello, resterà in Svizzera dal 23 al 25 maggio. Oltre ai colloqui ufficiali con membri del Consiglio federale, il programma della delegazione cinese prevede incontri con rappresentanti della Banca nazionale svizzera (BNS) e con diversi esponenti dell'economia e della ricerca del nostro Paese.


Indirizzo cui rivolgere domande

André Simonazzi
Vicecancelliere e portavoce del Consiglio federale
Tel. +41 31 322 37 03
Fax +41 31 323 37 06
andre.simonazzi@bk.admin.ch
www.bk.admin.ch



Pubblicato da

Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport
http://www.vbs.admin.ch

Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca
http://www.wbf.admin.ch

Ultima modifica 12.09.2019

Inizio pagina

Contatto

Domande per iscritto

In caso di domande per iscritto, inviare una e-mail a: medien@seco.admin.ch

Caposettore Comunicazione e portavoce

Antje Baertschi
tel. +41 58 463 52 75
fax +41 58 462 56 00
E-mail

Vice caposettore Comunicazione e portavoce

Fabian Maienfisch
tel. +41 58 462 40 20
fax +41 58 462 56 00
E-mail

Portavoce

Livia Willi
tel. +41 58 469 69 28
fax +41 58 462 56 00
E-mail

 

Stampare contatto

Abbonamento alle news

https://www.seco.admin.ch/content/seco/it/home/seco/nsb-news.msg-id-48982.html