Messaggio concernente l’Accordo di libero scambio tra l’AELS e gli Stati dell’America centrale

Berna, 04.09.2013 - Il 4 settembre 2013 il Consiglio federale ha licenziato il messaggio concernente l’Accordo di libero scambio tra l’AELS e gli Stati centroamericani di Costa Rica e Panama e lo ha trasmesso per approvazione alle Camere federali.

L'Accordo sottoscritto il 24 giugno 2013 con Panama e Costa Rica è pienamente in linea con i nuovi accordi di libero scambio stipulati con Paesi terzi dagli Stati AELS (Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera) e avrà un vasto campo d'applicazione settoriale. Contiene infatti disposizioni in materia di scambi di merci e servizi, investimenti, protezione della proprietà intellettuale, concorrenza, appalti pubblici, commercio e sviluppo sostenibile, cooperazione economica e tecnica e disposizioni istituzionali. L'Accordo migliorerà l'accesso delle esportazioni di merci e servizi e degli investimenti svizzeri ai due dinamici mercati centroamericani, agevolerà il commercio reciproco, consentirà l'accesso ai mercati degli appalti pubblici, rafforzerà la protezione della proprietà intellettuale, migliorerà in generale la certezza del diritto negli scambi economici e promuoverà lo sviluppo sostenibile.

In questo modo l'Accordo attribuisce agli operatori economici svizzeri un vantaggio nei confronti dei concorrenti di altri Paesi che non hanno stipulato un accordo di libero scambio con i due Stati dell'America centrale. Inoltre, previene la potenziale discriminazione da parte dei due Stati centroamericani nei confronti di altri loro partner di libero scambio.

L'Accordo concluso con i due Paesi estende la rete di accordi di libero scambio che la Svizzera sta intessendo dall'inizio degli anni ‘90 con Stati terzi al di fuori dell'UE. Con un volume commerciale di 302,8 e 168,6 milioni di franchi, nel 2012 Panama e Costa Rica sono stati di gran lunga i principali partner commerciali della Svizzera in America centrale.

La Svizzera, Paese sia importatore che esportatore, ha fatto della conclusione di accordi di libero scambio uno dei tre pilastri della sua politica di apertura dei mercati e di consolidamento delle condizioni quadro dell'economia esterna, insieme all'adesione all'OMC e alla sottoscrizione di accordi bilaterali con l'UE. Gli accordi di libero scambio favoriscono la diversificazione e la dinamizzazione degli scambi economici transfrontalieri con partner importanti, garantiscono vantaggi concorrenziali e riducono le discriminazioni.


Indirizzo cui rivolgere domande

Didier Chambovey,
Ambasciatore e delegato del Consiglio federale agli accordi commerciali,
Capo del campo di prestazioni Commercio mondiale,
SECO,
Tel. 031 322 23 33.



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca
http://www.wbf.admin.ch

Ultima modifica 21.01.2022

Inizio pagina

Contatto

Domande per iscritto

In caso di domande per iscritto, inviare una e-mail a: medien@seco.admin.ch

Caposettore Comunicazione e portavoce

Antje Baertschi
tel. +41 58 463 52 75
E-mail

Vice caposettore Comunicazione e portavoce

Fabian Maienfisch
tel. +41 58 462 40 20
E-mail

Portavoce

Livia Willi Yéré
tel. +41 58 469 69 28
E-Mail

 

Stampare contatto

Abbonamento alle news

https://www.seco.admin.ch/content/seco/it/home/seco/nsb-news.msg-id-50114.html