Stabile il clima di fiducia dei consumatori

Berna, 07.11.2013 - Tra luglio e ottobre 2013 la fiducia dei consumatori svizzeri è rimasta relativamente stabile, come nel primo semestre. Con -5 punti, l’indice generale è stato di poco sopra il valore del trimestre precedente (-9 punti) e quindi anche della media sul lungo periodo (sempre -9 punti). Questo andamento rispecchia le aspettative più positive delle economie domestiche per quanto riguarda le prospettive economiche e il mercato del lavoro nei prossimi 12 mesi. D’altro canto, nel mese di ottobre i consumatori hanno dato una valutazione pressoché identica a quella del sondaggio di luglio sulla propria situazione finanziaria e sulla possibilità di risparmio nei mesi successivi*.

I quattro sottoindici relativi al futuro che convergono nel calcolo dell’indice della fiducia dei consumatori** mostrano un andamento un po’ più positivo: i futuri sviluppi economici sono stati valutati in maniera nettamente più positiva (+1 punto rispetto a -6 punti in luglio). Dall’inizio del 2013 questo sottoindice si è mantenuto al di sopra del livello medio storico di -10 punti. Con +45 punti anche le aspettative riguardo all’andamento della disoccupazione nei prossimi 12 mesi sono state più positive (luglio: +54). La stima delle economie domestiche sugli sviluppi della propria situazione finanziaria è, invece, rimasta pressoché invariata (0 punti rispetto a -1 punto in luglio); lo stesso dicasi della possibilità di poter effettuare risparmi nei mesi a venire (+25 punti rispetto a +26 punti in luglio).

I restanti sottoindici impiegati nell’indagine, non considerati nel calcolo dell’indice generale, offrono un quadro disomogeneo. L’andamento generale dell’economia negli ultimi dodici mesi è stato valutato in maniera decisamente migliore in ottobre (+3 punti rispetto a -9 punti in luglio). Sono notevolmente migliorate anche le valutazioni riguardanti la sicurezza del posto di lavoro (-54 punti rispetto a -69 punti in luglio). La valutazione sull’opportunità di effettuare acquisti importanti è stata meno positiva (il sottoindice è sceso da 0 punti in luglio a -5 punti). I restanti sottoindici sono rimasti in larga misura stabili. La valutazione fornita dalle economie domestiche sulla loro situazione finanziaria degli ultimi 12 mesi non è cambiata in maniera sostanziale (-6 punti rispetto a -8 punti in luglio) e la possibilità di risparmiare nella situazione economia attuale è stata considerata in maniera solo leggermente più negativa (+41 punti rispetto a +45 punti in luglio).

Le valutazioni in merito al rincaro, dopo il minimo storico dell’ottobre 2011, sono state quasi sempre corrette verso l’alto. Tra ottobre e luglio 2013 sono però rimaste praticamente invariate sia la valutazione dell’inflazione degli ultimi dodici mesi (+43 punti rispetto a +44 punti in luglio) sia le stime sul rincaro per i prossimi dodici mesi (+54 punti rispetto a +53 punti in luglio). Nonostante l’aumento registrato dall’ottobre 2011 entrambi i sottoindici sono ancora ampiamente al di sotto del valore medio sul lungo periodo.

*Su incarico della Segreteria di Stato dell’economia (SECO) nei mesi di gennaio, aprile, luglio e ottobre, circa 1200 persone scelte a caso vengono intervistate in merito alla loro valutazione soggettiva della situazione economica, delle loro condizioni finanziarie, dell’andamento dei prezzi, della sicurezza dei posti di lavoro, ecc. I sondaggi vengono effettuati dall’istituto di ricerca DemoScope.

**Dalla pubblicazione dei risultati della rilevazione di ottobre 2009 sono state aggiunte due domande. Una riguarda le aspettative relative all’andamento della disoccupazione, l’altra le possibilità di risparmio. Queste nuove domande permettono di calcolare il nuovo indice della fiducia dei consumatori ufficiale, compatibile con i dati dell’UE. Le tre nuove serie di dati trimestrali iniziano da aprile 2007. Con la pubblicazione del 7 maggio 2013 la SECO è passata a tutti gli effetti al nuovo indice compatibile con i dati UE (si veda la nota tecnica “Comunicazione più semplice dell’indice del clima di fiducia dei consumatori” del 7 maggio 2013 all’indirizzo: http://www.seco.admin.ch/themen/00374/00453/index.html?lang=it).


Indirizzo cui rivolgere domande

Segreteria di Stato dell'economia SECO
Holzikofenweg 36
CH-3003 Berna
tel. +41 58 462 56 56
fax +41 58 462 56 00



Pubblicato da

Segreteria di Stato dell'economia
http://www.seco.admin.ch

Ultima modifica 18.12.2020

Inizio pagina

Contatto

Domande per iscritto

In caso di domande per iscritto, inviare una e-mail a: medien@seco.admin.ch

Caposettore Comunicazione e portavoce

Antje Baertschi
tel. +41 58 463 52 75
E-mail

Vice caposettore Comunicazione e portavoce

Fabian Maienfisch
tel. +41 58 462 40 20
E-mail

Portavoce

Livia Willi Yéré
tel. +41 58 469 69 28
E-Mail

 

Stampare contatto

Abbonamento alle news

https://www.seco.admin.ch/content/seco/it/home/seco/nsb-news.msg-id-50860.html