Coronavirus: la Svizzera mette a disposizione 400 milioni di franchi per gli interventi a livello internazionale

Berna, 30.04.2020 - La pandemia di Covid-19 colpisce in modo particolarmente duro i Paesi in via di sviluppo. Negli Stati afflitti da povertà, conflitti e catastrofi la situazione, già precaria, si aggrava. Per attenuare le conseguenze negative di questi sviluppi, il Consiglio federale ha deciso di concedere al Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR) un prestito senza interessi di 200 milioni di franchi e di sostenere con 25 milioni di franchi un fondo del FMI, costituito per far fronte alle catastrofi. Altri 175 milioni saranno utilizzati per rafforzare le organizzazioni attive a livello mondiale e la cooperazione internazionale nella lotta contro il coronavirus. La Svizzera si dimostra così solidale nella crisi globale.

La pandemia di Covid-19 ha un notevole impatto sulla vita di tutte le persone. Le restrizioni economiche dovute all’isolamento rappresentano un grave problema soprattutto per chi vive nei Paesi in via di sviluppo: se non possono lavorare, le persone più povere del mondo non riescono a sfamare le loro famiglie. Non hanno infatti contratti di lavoro regolari né beneficiano di un sistema di sicurezza sociale statale stabile che potrebbe proteggerle in caso di crisi. Il rischio di disordini sociali aumenta e anche il numero delle persone che potrebbero essere costrette ad abbandonare il proprio Paese a causa della mancanza di mezzi di sostentamento sta crescendo. È nell’interesse della Svizzera cercare di contrastare le cause di questa situazione.

Contributi alle organizzazioni internazionali per mitigare le ripercussioni della pandemia

Il Consiglio federale risponde alle richieste urgenti di sostegno finanziario formulate dall’ONU, dall’OMS, dal CICR, dalla Federazione internazionale delle società della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa (FICR), dal G20 e da altre organizzazioni che devono rimanere operative. Le grandi organizzazioni attive a livello internazionale hanno bisogno di fondi per introdurre ulteriori misure volte a rallentare la diffusione del virus e ad attenuare le conseguenze economiche e sociali della pandemia.

L’Esecutivo si è dichiarato disposto a contribuire con 400 milioni di franchi agli sforzi internazionali per mitigare le ripercussioni della pandemia di Covid-19, in particolare nei Paesi in via di sviluppo. Come primo passo ha deciso di concedere al CICR un prestito massimo senza interessi di 200 milioni di franchi rimborsabile entro sette anni e di stanziare un contributo di 25 milioni di franchi per un fondo che mira al contenimento degli effetti delle catastrofi (Catastrophe Containment and Relief Trust) creato dal Fondo monetario internazionale (FMI). Il Parlamento si esprimerà in merito al credito e al contributo  durante la sessione estiva. In una seconda fase (maggio), il Consiglio federale intende stanziare ulteriori contributi per un importo massimo di 175 milioni di franchi destinati a diverse organizzazioni attive sul piano globale.

Con questa decisione l’Esecutivo risponde anche a una mozione della Commissione della politica estera del Consiglio nazionale che ha chiesto un aumento di 100 milioni di franchi dei crediti per l’aiuto umanitario nel 2020.

Risposta rapida ed efficace della cooperazione internazionale

Nell’ambito della cooperazione internazionale allo sviluppo la Svizzera è stata in grado di reagire alla crisi in modo rapido ed efficace. Per far fronte alla pandemia, il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) ha effettuato adeguamenti mirati, in particolare ai programmi in corso della DSC. Il Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca (DEFR) ha a sua volta adeguato i programmi della SECO. Nel quadro del budget esistente sono stati messi a disposizione oltre 100 milioni di franchi aggiuntivi. Ciò rafforzerà il lavoro di organizzazioni come l’ONU (compresa l’OMS), il CICR e la FICR, nonché i progetti umanitari e quelli finalizzati a rispondere alla pandemia della cooperazione svizzera allo sviluppo. L’Aiuto umanitario della DSC ha già fornito aiuti umanitari su richiesta dei Paesi colpiti. La Svizzera sostiene infine le misure del Gruppo della Banca Mondiale e del Fondo globale per la lotta contro l’Aids, la tubercolosi e la malaria per lottare contro la crisi provocata dalla diffusione del nuovo coronavirus.


Indirizzo cui rivolgere domande

Comunicazione DFAE
Tel. +41 58 462 31 53
kommunikation@eda.admin.ch


Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale degli affari esteri
https://www.eda.admin.ch/eda/it/dfae.html

Segreteria di Stato per le questioni finanziarie internazionali
http://www.sif.admin.ch

Segreteria di Stato dell'economia
http://www.seco.admin.ch

Ultima modifica 14.09.2020

Inizio pagina

Contatto

Domande per iscritto

In caso di domande per iscritto, inviare una e-mail a: medien@seco.admin.ch

Caposettore Comunicazione e portavoce

Antje Baertschi
tel. +41 58 463 52 75
E-mail

Vice caposettore Comunicazione e portavoce

Fabian Maienfisch
tel. +41 58 462 40 20
E-mail

Portavoce

Livia Willi Yéré
tel. +41 58 469 69 28
E-Mail

Portavoce

Nadine Mathys
tel. +41 58 481 86 47
E-mail

 

Stampare contatto

Abbonamento alle news

https://www.seco.admin.ch/content/seco/it/home/seco/nsb-news.msg-id-78956.html