L’Assicurazione svizzera contro i rischi delle esportazioni realizza un utile di 55,4 milioni di franchi

Berna, 03.04.2020 - Il 3 aprile 2020 il Consiglio federale ha approvato il rapporto di gestione dell’Assicurazione svizzera contro i rischi delle esportazioni (SERV). Nonostante la diminuzione delle nuove operazioni registrata nel 2019, la SERV ha realizzato un utile di 55,4 milioni di franchi. La SERV permette al settore dell’esportazione di essere competitivo e contribuisce a creare e mantenere posti di lavoro in Svizzera. In futuro, con la collaborazione di Switzerland Global Enterprise (S-GE), aiuterà le PMI esportatrici che usufruiscono dei suoi servizi a sfruttare le opportunità offerte dai grandi progetti all’estero.

La SERV copre i rischi legati alle esportazioni di beni e servizi. Se si analizzano i dati del 2019 relativi agli impegni di massima e alle polizze assicurative (778 in totale) si constata un calo della domanda del 17 per cento, spiegabile con il rallentamento della crescita economica che lo scorso anno ha influito negativamente sull’andamento generale della congiuntura in Svizzera e sull’economia di esportazione in particolare.

La nuova esposizione (cioè le nuove operazioni e gli impegni di massima assunti) ammonta a 3577 milioni di franchi: rispetto all’anno precedente si tratta di un calo del 32 per cento. Ciononostante alla fine del 2019 l’esposizione della SERV era cresciuta dell’1,1 per cento, portandosi a 8773,2 milioni. Questo aumento è dovuto alla composizione del suo portafoglio di coperture assicurative, comprendente anche importanti operazioni a lungo termine: si tratta di un fattore che contribuisce a stabilizzare la riscossione dei premi assicurativi. La quota di clienti formata da PMI è leggermente diminuita; tuttavia, con circa 310 clienti attivi, corrisponde all’incirca a due terzi della media pluriennale e mantiene perciò una rilevanza significativa.

Gli impegni assunti dalla SERV concernono in primo luogo il settore della produzione e distribuzione di energia elettrica (2432,3 milioni di franchi; l’anno precedente ammontavano a 2027,7 milioni), seguito in ordine di importanza dall’industria meccanica (2066,6 milioni) e da quello dei veicoli su rotaia e della tecnologia ferroviaria (1053,3 milioni).

Per ciò che concerne il volume delle coperture assicurative, la Turchia è al primo posto tra i Paesi destinatari delle esportazioni (934,1 milioni di franchi), seguita da Brasile (837,6 milioni), Russia (761,8 milioni) e Bangladesh (529,3 milioni). La copertura della SERV è finalizzata principalmente a ridurre i rischi di mancato pagamento delle forniture a cui sono esposti i suoi clienti.

La SERV dispone di una buona dotazione finanziaria: il suo capitale proprio ammonta a più di 2,8 miliardi di franchi. Può così reagire con sufficiente flessibilità anche in situazioni particolarmente difficili come quella in cui si trovano attualmente gli esportatori. Inoltre in futuro la SERV, in collaborazione con Switzerland Global Enterprise (S-GE) aiuterà le PMI esportatrici che usufruiscono dei suoi servizi a sfruttare le opportunità offerte dai grandi progetti all’estero.

Le soluzioni proposte dalla SERV permettono alle imprese di ottenere più facilmente crediti a condizioni favorevoli oppure di aumentare i loro limiti di credito, aiutandole così a mantenere la liquidità necessaria per le esportazioni. Avvalendosi di una collaudata procedura di compliance, la SERV esamina sotto il profilo dei requisiti ambientali, sociali, di sviluppo e di lotta alla corruzione le operazioni di esportazione che le vengono proposte, per accertarsi che siano conformi ai principi della politica estera e agli obblighi internazionali della Svizzera. Mediante organismi pubblici di assicurazione (agenzie di credito all’esportazione, ACE) la maggior parte dei Paesi industrializzati offre alle proprie imprese strumenti di garanzia analoghi. La SERV permette al settore dell’esportazione di essere competitivo e contribuisce a creare e mantenere posto di lavoro in Svizzera.


Indirizzo cui rivolgere domande

Comunicazione SG-DEFR
tel: 058 462 20 07
e-mail: Info@gs-wbf.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Segreteria generale DEFR
http://www.wbf.admin.ch

Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca
http://www.wbf.admin.ch

Ultima modifica 12.02.2020

Inizio pagina

Contatto

Domande per iscritto

In caso di domande per iscritto, inviare una e-mail a: medien@seco.admin.ch

Caposettore Comunicazione e portavoce

Antje Baertschi
tel. +41 58 463 52 75
E-mail

Vice caposettore Comunicazione e portavoce

Fabian Maienfisch
tel. +41 58 462 40 20
E-mail

Portavoce

Livia Willi Yéré
tel. +41 58 469 69 28
E-Mail

Portavoce

Nadine Mathys
tel. +41 58 481 86 47
E-mail

 

Stampare contatto

Abbonamento alle news

https://www.seco.admin.ch/content/seco/it/home/seco/nsb-news/medienmitteilungen-2020.msg-id-78680.html