Ucraina: adozione delle nuove sanzioni dell’UE nei confronti della Russia e della Bielorussia

Berna, 10.06.2022 - Il 10 giugno 2022 il Consiglio federale ha deciso di adottare le nuove sanzioni dell’UE nei confronti della Russia e della Bielorussia. Le ordinanze corrispondenti sono attualmente in fase di adeguamento. Il Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca (DEFR) ha esteso le sanzioni finanziarie e di viaggio a un centinaio di altre persone.

In considerazione della gravità della situazione e per reagire all’aggressione militare in corso in Ucraina, il 3 giugno 2022 l’UE ha adottato nuove sanzioni nei confronti della Russia («sesto pacchetto di sanzioni»).

Il nuovo pacchetto comprende un embargo sul greggio e su alcuni prodotti petroliferi provenienti dalla Russia. L’embargo entrerà gradualmente in vigore nell’UE entro l’inizio del 2023, dopo alcuni periodi di transizione. Nel settore finanziario è stata di nuovo vietata la fornitura di servizi di revisione e consulenza alle imprese. Vengono precisati anche i divieti di prestazione di servizi ai trust. Inoltre, l’UE vieta la pubblicità nei contenuti prodotti o trasmessi da alcuni media russi come Russia Today o Sputnik.

Il 10 giugno 2022 il Consiglio federale ha deciso di riprendere queste misure e ha incaricato il DEFR di modificare l’ordinanza che istituisce provvedimenti in relazione alla situazione in Ucraina. Inoltre il DEFR esaminerà in modo approfondito, insieme al DFF e al DATEC, le conseguenze dell’adozione dell’embargo petrolifero in Svizzera.

Conformemente alle sue competenze, il DEFR ha approvato la designazione di oltre 100 nuove persone ed organizzazioni russe o bielorusse. Si tratta di militari ritenuti responsabili dei crimini commessi a Bucha, di persone attive in politica, nella comunicazione/propaganda, nonché di circoli oligarchici e dei loro familiari, tra cui Aleksandra Melnichenko. La lista svizzera delle persone e delle organizzazioni sanzionate corrisponde quindi pienamente a quella dell’UE. Inoltre, è stata approvata l’esclusione dal servizio di messaggistica SWIFT di quattro nuove banche russe e bielorusse, tra cui la Sberbank, la più grande banca russa. Infine, sono state ampliate la lista dei beni vietati all’esportazione che potrebbero contribuire al rafforzamento militare e tecnologico della Russia o allo sviluppo del suo settore della difesa e della sicurezza, nonché la lista dei beni che non possono essere importati per via della loro importanza economica. Le modifiche entrano in vigore il 10 giugno 2022 alle ore 18.


Indirizzo cui rivolgere domande

Comunicazione SG-DEFR
info@gs-wbf.admin.ch
tel. 058 462 20 07

Per informazioni da parte delle imprese (sanzioni):
sanctions@seco.admin.ch
058 464 08 12



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca
http://www.wbf.admin.ch

Ultima modifica 21.01.2022

Inizio pagina

Contatto

Domande per iscritto

In caso di domande per iscritto, inviare una e-mail a: medien@seco.admin.ch

Caposettore Comunicazione e portavoce

Antje Baertschi
tel. +41 58 463 52 75
E-mail

Vice caposettore Comunicazione e portavoce

Fabian Maienfisch
tel. +41 58 462 40 20
E-mail

Portavoce

Livia Willi Yéré
tel. +41 58 469 69 28
E-Mail

 

Stampare contatto

Abbonamento alle news

https://www.seco.admin.ch/content/seco/it/home/seco/nsb-news.msg-id-89229.html