Ostacoli tecnici al commercio

Per ostacoli tecnici al commercio si intendono gli ostacoli allo scambio internazionale di merci. Possono essere dovuti a differenti prescrizioni tecniche (prescrizioni sui prodotti), alla diversa applicazione di tali prescrizioni o al non riconoscimento delle valutazioni di conformità effettuate all’estero. Le prescrizioni tecniche disciplinano per esempio la composizione, l’imballaggio o la fabbricazione di prodotti e sono di utilità pubblica, come nel caso della protezione della salute e dell’ambiente.

La Svizzera dispone di tre strumenti per rimuovere gli ostacoli tecnici al commercio:

1. armonizzazione autonoma delle prescrizioni svizzere con quelle dei suoi principali partner commerciali,
2. stipula di accordi internazionali,
3. applicazione del principio «Cassis de Dijon».

La base legale dei tre strumenti sopra menzionati è la legge federale sugli ostacoli tecnici al commercio (LOTC).

Gli accordi multilaterali dell’OMC fissano il quadro internazionale per impedire e rimuovere gli ostacoli tecnici al commercio (accordi TBT e SPS). La Svizzera punta a ridurre progressivamente tali ostacoli stipulando accordi bilaterali di libero scambio.

La piattaforma Importazioni della SECO offre una panoramica delle prescrizioni tecniche svizzere e delle possibilità di agevolazione delle importazioni grazie ad accordi internazionali oppure al principio «Cassis de Dijon».

 

Accordi internazionali (MRA)

Tramite gli accordi sul reciproco riconoscimento in materia di valutazione della conformità (Mutual Recognition Agreements [MRA]), il Paese d’importazione si impegna a riconoscere, a determinate condizioni, le valutazioni di conformità svolte nel Paese di esportazione.

 

Notifica di norme tecniche  

Per immettere prodotti sul mercato svizzero ed estero occorre tenere conto delle prescrizioni legali applicabili. In base agli accordi internazionali, se la Svizzera o un Paese terzo emana o modifica prescrizioni tecniche, deve communicarle a i membri dell’OMC. Questo annuncio viene definito «notifica».

Piattaforma Importazioni  

La piattaforma Importazioni sostiene persone e imprese che vogliono immettere prodotti importati sul mercato svizzero nella ricerca delle prescrizioni techniche applicabili.

Principio «Cassis de Dijon»

Secondo il principio «Cassis de Dijon» i prodotti che sono legalmente immessi in commercio nell’UE o nello SEE possono di norma circolare liberamente anche in Svizzera senza controlli preliminari, con tuttavia alcune eccezioni.

Valutazione della conformità - accreditamento  

Per garantire che i prodotti rispettino le prescrizioni tecniche applicabili, lo Stato istituisce procedure di valutazione della conformità che garantiscono il rispetto dei requisiti legali. L’accreditamento permette di verificare e di confermare le competenze degli organi preposti alla valutazione della conformità.

Normazione

Le norme semplificano il commercio internazionale. Questa sezione illustra l’interazione fra prescrizioni e norme tecniche nonché i compiti dell’Associazione svizzera di normazione (SNV).

https://www.seco.admin.ch/content/seco/it/home/Aussenwirtschaftspolitik_Wirtschaftliche_Zusammenarbeit/Wirtschaftsbeziehungen/Technische_Handelshemmnisse.html