Responsabilità sociale d’impresa

CSR Bild Eingangsseite

La responsabilità sociale d’impresa (RSI) riguarda l’impatto sociale e ambientale delle attività imprenditoriali. Per la Confederazione è un contributo delle aziende allo sviluppo sostenibile.

La RSI abbraccia un’ampia varietà di tematiche di cui il management aziendale deve tenere conto. Tra queste figurano le condizioni di lavoro (compresa la protezione della salute), i diritti umani, la tutela dell’ambiente, la prevenzione della corruzione, la concorrenza leale, gli interessi dei consumatori, la fiscalità e la trasparenza.

Per attuare la RSI è necessario considerare gli interessi degli stakeholder (azionisti, lavoratori, consumatori, comunità locali, organizzazioni non governative, ecc.) nonché rispettare le norme e gli accordi con i partner sociali. Occorre inoltre tenere conto delle aspettative sociali, che possono spingersi ben oltre gli obblighi giuridici.

La Confederazione si aspetta che le aziende ubicate e attive in Svizzera si assumano le proprie responsabilità conformemente agli standard e alle direttive di RSI riconosciute internazionalmente.

L’attuazione coerente della RSI è un contributo essenziale allo sviluppo sostenibile e al superamento delle sfide sociali e può influire positivamente sulla competitività stessa delle aziende.

In Svizzera sono in uso terminologie diverse: le imprese utilizzano ad esempio le espressioni Corporate Social Responsibility
(CSR), Corporate Responsibility (CR), gestione aziendale responsabile (Responsible Business Conduct) o sostenibilità aziendale.

Dichiarazione della direttrice della SECO Marie-Gabrielle Ineichen-Fleisch al Forum economico internazionale di San Pietroburgo (al minuto 0:07:00, in inglese)

 

Documento programmatico e piano d’azione del Consiglio federale

Il 15 gennaio 2020 il Consiglio federale ha adottato il piano d'azione RSI 2020-2023 riveduto. L'Esecutivo conferma così il suo impegno per la responsabilità sociale d'impresa.

Il 1° aprile 2015 il Consiglio federale ha approvato un documento e piano d'azione sulla responsabilità sociale d’impresa, nato da un processo interdipartimentale guidato dalla SECO e condiviso mediante una consultazione dei rappresentanti dei gruppi d’interesse. Gli obiettivi sono due: informare le aziende e gli stakeholder sugli obiettivi e sulle aspettative della Confederazione in materia di RSI e offrire una panoramica delle attività di RSI presenti e future promosse a livello federale.


Obbligo di rendiconto sulle questioni non finanziarie e di diligenza per quanto riguarda i minerali di conflitto e il lavoro minorile

Il 29 novembre 2020 è stata respinta l’iniziativa popolare "per imprese responsabili – a tutela dell’essere umano e dell’ambiente". Ciò significa che si applica il controprogetto indiretto del Parlamento, che prevede le seguenti nuove disposizioni nel Codice delle obbligazioni per le imprese:

  • Obbligo di rendiconto sulle questioni non finanziarie: le grandi aziende pubbliche e le istituzioni finanziarie devono rendere conto delle questioni ambientali e lavorative, dei diritti umani e della lotta contro la corruzione in modo simile alla Direttiva della UE 2014/95/UE. Ciò include il rendiconto sui rischi materiali, le misure adottate e la loro efficacia o i motivi per cui non si segue tale concetto (il cosiddetto concetto comply or explain). Se il rapporto si basa su normative nazionali, europee o internazionali come le Linee Guida dell'OCSE per le Imprese Multinazionali, queste devono essere menzionate nel rapporto. Il rapporto deve essere approvato dal più alto organo direttivo o amministrativo e dall'organo responsabile dell'approvazione dei conti annuali.
  • Obbligo di diligenza e di rendiconto per quanto riguarda i minerali di conflitto e il lavoro minorile: analogamente al regolamento della UE (UE)2017/821, viene introdotto un obbligo di diligenza e di rendiconto per le imprese che importano o trattano in Svizzera minerali o metalli costituiti da stagno, tantalio, tungsteno o oro proveniente da zone di conflitto e ad alto rischio. Lo stesso vale per le imprese che offrono prodotti o servizi per i quali vi sono ragionevoli motivi per sospettare che siano stati fabbricati o forniti utilizzando lavoro minorile. Essi devono identificare i rischi e adottare misure per ridurli al minimo. L'adempimento dell’obbligo di diligenza nei confronti dei minerali di conflitto dovrebbe basarsi, tra l'altro, sulla Guida OCSE sulla verifica della diligenza per una catena di approvvigionamento responsabile dei minerali provenienti da zone di conflitto e ad alto rischio e deve essere verificato da un esperto esterno.

Il controprogetto indiretto sarà pubblicato nel Foglio federale con un periodo di referendum di 100 giorni. Se non si terrà il referendum facoltativo, entreranno in vigore le nuove disposizioni di legge. Conformemente al Codice delle obbligazioni, le disposizioni relative all'obbligo di rendiconto sulle questione non finanziarie e all'obbligo di diligenza e di rendiconto in materia di minerali di conflitto e di lavoro minorile si applicano per la prima volta all'esercizio finanziario che inizia un anno dopo l'entrata in vigore delle nuove disposizioni. In vista dell'entrata in vigore delle disposizioni relative all’obbligo di diligenza e di rendiconto per quanto riguarda i minerali e i metalli provenienti da zone di conflitto e il lavoro minorile, il Consiglio federale deve elaborare disposizioni d'esecuzione.


COVID-19 e condotta aziendale responsabile

COVID-19 ha un impatto sulle aziende e sulla società, ad esempio sulla conservazione della salute e del sostentamento. In che modo un'azione aziendale responsabile può contribuire a superare la crisi a breve e lungo termine? Buoni esempi, come l'aumento della resilienza delle catene di fornitura o la distribuzione equa dei benefici delle misure di stimolo, si possono trovare nel documento dell'OCSE:


Digitalizzazione e condotta aziendale responsabile

Le implicazioni della digitalizzazione per una condotta aziendale responsabile sono molteplici. Ad esempio, i nuovi strumenti digitali possono consentire alle imprese di rafforzare i loro sforzi per agire in modo responsabile, in particolare per quanto riguarda la gestione responsabile della catena di fornitura (ad esempio, la tecnologia a catena di blocco per analizzare i rischi nella catena di fornitura, l'apprendimento delle macchine). Allo stesso tempo, la trasformazione digitale può anche portare le imprese a causare o contribuire a danni sociali e ambientali in nuovi modi (ad esempio, il rischio di discriminazione nell'uso dell'intelligenza artificiale e i rischi per i diritti umani associati alla tecnologia di sorveglianza e all'uso improprio delle piattaforme di contenuti online). L'OCSE ha pubblicato i seguenti strumenti al riguardo:

C'è un ruolo per le catene di blocco nella condotta aziendale responsabile? (PDF, 2 MB, 03.12.2019)

Intelligenza artificiale e condotta aziendale responsabile (PDF, 2 MB, 03.12.2019)

Piattaforme online e condotta aziendale responsabile (PDF, 2 MB, 03.12.2019)


Comunicati stampa:

Medienmitteilungen.JPG


Events:

Events

Ultima modifica 15.04.2021

Inizio pagina

Contatto

Segreteria di Stato dell'economia
Investimenti int. e imprese multinazionali
Holzikofenweg 36
3003 Berna

E-Mail

Stampare contatto

https://www.seco.admin.ch/content/seco/it/home/Aussenwirtschaftspolitik_Wirtschaftliche_Zusammenarbeit/Wirtschaftsbeziehungen/Gesellschaftliche_Verantwortung_der_Unternehmen.html