Distacco e misure collaterali


Accordo sulla libera circolazione delle persone

L’Accordo sulla libera circolazione delle persone tra la Svizzera e l’UE, in vigore dal 2002, conferisce ai cittadini svizzeri e a quelli degli Stati dell’UE e dell’AELS il diritto di scegliere liberamente, nel territorio delle parti contraenti, il luogo di lavoro e di soggiorno. L’accordo liberalizza inoltre le prestazioni di servizi per un periodo massimo di 90 giorni per anno civile.

Misure collaterali

Per proteggere i lavoratori dal fenomeno del dumping salariale, incompatibile con le condizioni salariali e lavorative svizzere, sono state introdotte il 1° luglio 2004 le cosiddette misure collaterali. Esse intendono garantire, tra l’altro, condizioni di concorrenza identiche per imprese sia svizzere sia estere.  

Queste misure comprendono sostanzialmente le seguenti regole:

  • la legge federale sui lavoratori distaccati in Svizzera obbliga i datori di lavoro stranieri che distaccano lavoratori in Svizzera a rispettare le condizioni di lavoro e salariali minime vigenti nel nostro Paese;
  • se vengono ripetutamente e abusivamente offerti salari inferiori a quelli usuali, le disposizioni di un contratto collettivo di lavoro in materia di salari minimi, orari di lavoro, controlli paritetici e sanzioni possono essere più facilmente dichiarate di obbligatorietà generale. Ciò significa che da quel momento tutte le aziende del settore devono rispettare le disposizioni del contratto collettivo di lavoro divenuto di obbligatorietà generale in via agevolata;
  • nei settori senza un contratto collettivo di lavoro possono essere stipulati, in caso di ripetuti dumping salariali, contratti normali di lavoro che stabiliscano salari minimi vincolanti. Da quel momento tutte le aziende del settore devono rispettarli.

Le commissioni tripartite cantonali vigilano sul mercato del lavoro svizzero e possono controllare imprese sia svizzere sia straniere. Se rilevano che in una data impresa vengono ripetutamente e abusivamente offerti salari inferiori a quelli usuali per il luogo e il ramo, possono proporre l’emanazione, a tempo determinato, di salari minimi vincolanti. Nei rami con contratti collettivi di lavoro di obbligatorietà generale spetta alle commissioni paritetiche controllare che le imprese svizzere o straniere rispettino quanto stabilito in tali contratti. A livello nazionale è la commissione tripartita federale che vigila sul mercato del lavoro.


Comunicati stampa

12.06.2018

Lotta alla pressione salariale e al lavoro nero

Le misure collaterali sono state introdotte quindici anni fa e la legge contro il lavoro nero è in vigore da dieci anni. Il rapporto sull’attuazione delle misure collaterali alla libera circolazione delle persone tra la Svizzera e l’Unione europea (UE) e il rapporto sull’esecuzione della legge contro il lavoro nero mostrano che nel 2017 i controlli sono stati molto intensi. Gli abusi salariali e il lavoro nero sono stati contrastati in modo efficace. I controlli sono avvenuti negli ambiti in cui il rischio di infrazioni è più alto.

11.05.2017

Rapporto: Esecuzione delle misure collaterali alla libera circolazione delle persone tra la Svizzera e l’Unione europea nel 2016

Nel 2016 è stato possibile mantenere a un livello elevato l’intensità di controllo svolta nell’ambito delle misure collaterali alla libera circolazione delle persone. Gli organi di controllo hanno verificato le condizioni lavorative e salariali svizzere presso circa 42 000 aziende e 164 000 persone. Gli organi d’esecuzione si impegnano a effettuare controlli in maniera mirata e in funzione dei rischi sul mercato del lavoro.

23.11.2016

Il Consiglio federale vuole migliorare ulteriormente l’esecuzione delle misure collaterali

Il 23 novembre 2016 il Consiglio federale ha preso conoscenza di un rapporto contenente misure concrete per migliorare ulteriormente l’esecuzione delle misure collaterali. L’obiettivo delle nove misure proposte dal gruppo di lavoro per attuare un piano d’azione, e approvate dal Consiglio federale, è di aumentare la qualità e l’impatto dell’attività di controllo. Negli ultimi anni la SECO, in collaborazione con le parti sociali e i Cantoni, ha già ottenuto notevoli miglioramenti grazie al rafforzamento della formazione degli organi di controllo e a un potenziamento del sostegno finanziario per l’attività di controllo in alcuni Cantoni.

12.05.2016

Attuazione delle misure collaterali alla libera circolazione delle persone Svizzera – UE nel 2015

Le attività di controllo sono state ulteriormente intensificate nel 2015 e gli obiettivi nazionali dei controlli sono stati ampiamente superati. Le commissioni tripartite e paritetiche hanno verificato le condizioni salariali e lavorative di più di 45 000 imprese e 175 000 persone. La maggior parte delle imprese controllate rispetta le condizioni salariali e lavorative vigenti in Svizzera.

05.05.2015

Attuazione delle misure collaterali alla libera circolazione delle persone Svizzera – UE nell’anno 2014

L’attività degli organi di controllo si è stabilizzata nel 2014. Le commissioni tripartite e paritetiche hanno controllato le condizioni salariali e lavorative di più di 40’000 imprese e 159’000 persone. I miglioramenti legislativi e la professionalizzazione degli organi di controllo hanno consentito di contrastare il fenomeno del dumping salariale in maniera più mirata ed efficace.

18.02.2013

Ripercussioni della libera circolazione delle persone sui salari in Svizzera

Dall’introduzione della libera circolazione delle persone tra la Svizzera e l’Unione europea (UE), nel 2002, le ripercussioni sui salari in Svizzera sono state a più riprese oggetto di analisi scientifiche. Su mandato della SECO l’Università di Ginevra ha realizzato un altro studio basato sui più recenti dati della Rilevazione svizzera della struttura dei salari. Ne emerge un bilancio prevalentemente positivo: in base alle stime, gli impatti dell’immigrazione sono complessivamente minimi e sono negativi soltanto per determinati gruppi professionali.

26.04.2013

Misure d’accompagnamento: controlli più mirati ad alto livello

Il numero di controlli effettuati è di nuovo cresciuto nel 2012 e supera nettamente le esigenze dell'Ordinanza sui lavoratori distaccati. La professionalizzazione degli organi di controllo consente di contrastare il fenomeno del dumping salariale in maniera più mirata ed efficace. Nel 2012, le commissioni tripartite e paritetiche hanno controllato le condizioni salariali e di lavoro presso più di 39 000 imprese e 150 000 persone.

21.11.2012

Adeguamenti delle misure collaterali: entrata in vigore a inizio 2013

Nella sua seduta odierna il Consiglio federale ha fissato al 1° gennaio 2013 l'entrata in vigore della maggior parte delle modifiche in materia di misure collaterali adottate dal Parlamento nella sessione estiva 2012. Le nuove disposizioni migliorano la lotta al fenomeno della pseudo-indipendenza e permettono di sanzionare le infrazioni alle disposizioni vincolanti in materia di condizioni salariali e lavorative. Le modifiche consentono pertanto di colmare le lacune della normativa concernente le misure collaterali e di migliorarne l'efficacia attuativa.

27.04.2012

Misure collaterali: consolidamento a un livello elevato

Il numero dei controlli effettuati si è consolidato attestandosi a un livello elevato. Il numero minimo di 27 000 controlli stabilito nell’ordinanza sui lavoratori distaccati è stato infatti ampiamente superato.

02.03.2012

Adeguamento delle misure collaterali alla libera circolazione delle persone

Il Consiglio federale ha adottato e trasmesso al Parlamento il messaggio relativo alla legge federale sull’adeguamento delle misure collaterali alla libera circolazione delle persone. Sono previste nuove possibilità sanzionatorie in caso di indipendenza fittizia e infrazioni delle disposizioni obbligatorie in materia condizioni salariali e lavorative. Scopo dell’adeguamento è colmare le lacune della normativa concernente le misure collaterali e migliorarne l’efficacia attuativa.

20.01.2012

Il Consiglio federale ottimizzerà ulteriormente l’attuazione delle misure di accompagnamento

Il Consiglio federale intende migliorare ulteriormente l’esecuzione delle misure di accompagnamento alla libera circolazione delle persone. A tal fine è disposto ad adottare e attuare, parallelamente alle misure già avviate in questo ambito, le raccomandazioni della Commissione della gestione del Consiglio nazionale (CdG-N). Esse sono focalizzate sul miglioramento della gestione strategica ed operativa delle misure di accompagnamento e su una maggiore collaborazione tra gli operatori coinvolti.

04.11.2009

Libera circolazione delle persone: esecuzione delle misure di accompagnamento ottimizzata

Il 4 novembre 2009 il Consiglio federale ha approvato una modifica dell’ordinanza sui lavoratori distaccati in Svizzera (ODist). Le modifiche previste sono state annunciate dal Consiglio federale in vista della votazione dell’8 febbraio 2009 sul rinnovo dell’Accordo sulla libera circolazione delle persone (ALCP) e la sua estensione alla Bulgaria e alla Romania. Esse intendono migliorare l’efficacia delle misure di accompagnamento alla libera circolazione delle persone e ottimizzarne l’esecuzione.

28.03.2006

Estensione della libera circolazione delle persone e rafforzamento delle misure d’accompagnamento in vigore dal 1° aprile

L’estensione controllata della libera circolazione delle persone ai nuovi Stati membri dell’UE e il rafforzamento delle misure d’accompagnamento contro il dumping salariale entrano in vigore il 01.04.2006. L’entrata in vigore avviene grazie all’approvazione del Popolo svizzero nella votazione del 25.09.2005.

Ultima modifica 11.06.2018

Inizio pagina

https://www.seco.admin.ch/content/seco/it/home/Arbeit/Personenfreizugigkeit_Arbeitsbeziehungen/freier-personenverkehr-ch-eu-und-flankierende-massnahmen.html